Che giorno del ciclo fai la mammografia

Climaterico

Lo stato del sistema ormonale influisce sul lavoro di tutti gli organi e sistemi, questo è particolarmente evidente nel corpo femminile a causa della funzione riproduttiva. Le conseguenze più gravi possono portare al cancro, quindi è estremamente importante condurre tutti gli esami in modo tempestivo, inclusa la mammografia.

Quando viene inviato per la mammografia

La mammografia è un esame non invasivo della ghiandola mammaria con i raggi X (senza penetrazione degli strumenti attraverso la pelle), che consente di rilevare un tumore maligno in una fase precoce. Referenti per l'esame sono rilasciati da tali specialisti: ginecologo, specialista della mammella, endocrinologo, chirurgo.

Gli esperti non possono identificare le ragioni esatte per cui ci sono tumori, nominano i fattori più comuni, tra cui:

  • caratteristiche ereditarie;
  • stress ormonale sullo sfondo di frequenti aborti o gravidanze, nonché in relazione all'uso di contraccettivi orali;
  • cattive abitudini (specialmente il fumo);
  • fatti dall'uomo, fattori ambientali.

Si raccomanda di condurre la mammografia in questi casi:

  • dopo i 40-45 anni o con menopausa precoce regolarmente ogni anno;
  • con sensazioni dolorose e sigilli al petto o in presenza di scarico dai capezzoli, con un cambiamento nel colore e nella forma dell'isola;
  • nel caso di malattie croniche (ginecologiche, endocrine), con predisposizione genetica ai tumori;
  • per la profilassi dopo il trattamento del tumore o per valutare il trattamento eseguito.

Sulle moderne attrezzature spiccano le dosi minime di radiazioni ionizzanti, che sono vicine allo sfondo naturale delle radiazioni dell'ambiente. Questo esame è considerato pericoloso dal punto di vista condizionale e di solito non causa conseguenze negative, tuttavia esistono alcune controindicazioni per la conduzione di una mammografia:

  • gravidanza in qualsiasi momento;
  • periodo di allattamento e allattamento;
  • periodo post-aborto fino a sei mesi;
  • infiammazione o danno alla pelle sul petto e sui capezzoli;
  • età delle donne sotto i 35-36 anni.

Ciò è dovuto non tanto al danno percepito, quanto al fatto che durante il periodo di gravidanza e allattamento la struttura e la forma della ghiandola mammaria cambiano, quindi i risultati del sondaggio potrebbero non essere attendibili. Se necessario, i medici decidono individualmente sulla nomina di questa procedura, è possibile condurre la mammografia ad ultrasuoni (ecografia del seno).

La descrizione dei risultati della diagnostica ecografica è soggettiva a causa della struttura variabile dei tessuti, ed è molto distorta dal livello ormonale, dall'età del paziente e dal periodo riproduttivo, dal peso corporeo e da altri indicatori. Ci sono problemi con l'unificazione dei criteri per la valutazione degli ultrasuoni - che è considerata una condizione normale, ammissibile o patologica.

Tipi di esami del seno

Esistono metodi diagnostici più efficaci e moderni rispetto alla mammografia a raggi X convenzionale.

  • Mammografia computerizzata (digitale) a raggi x: i risultati vengono visualizzati su supporti digitali e non su pellicola, riducendo al contempo la dose di radiazioni. Questo metodo consente di determinare in modo più preciso la patologia e ovunque sposta la consueta fissazione del film sui risultati.
  • Mammografia radiometrica (microonde) termometro - determina la temperatura delle diverse parti del seno. Per fare questo, in diversi punti con un dispositivo speciale misurare la temperatura della pelle e costruire un termogramma. Le aree con temperature elevate richiedono un'attenzione particolare perché lì può essere rilevato un tumore.
  • Mammografia a impedenza elettrica: esamina la resistenza del tessuto mammario agli impulsi elettrici. L'acqua del torace idratata è influenzata dall'alternanza di corrente a basso consumo, che non viene percepita dal paziente. Il sensore allegato trasmette un'immagine dettagliata al monitor, viene elaborato da un programma speciale e come risultato viene determinato dove si trova il tessuto muscolare, grasso, connettivo, dove il liquido, la deposizione di calcinato. Tale tecnica è completamente sicura, ma non garantisce risultati accurati del test (la patologia viene rilevata in una quantità inferiore all'80%).
  • Mammografia a risonanza magnetica - questa tecnica non utilizza radiazioni ionizzanti e influenza il corpo attraverso i campi magnetici, quindi è completamente sicura. Questo esame può essere effettuato con l'uso di agenti di contrasto che indicano neoplasie nel torace nelle prime fasi della formazione. Il paziente assume in precedenza farmaci speciali che hanno la capacità di accumularsi nei tessuti tumorali, quindi il tumore diventa evidente nello studio. Di conseguenza, il medico riceve informazioni sulla dimensione e sulla posizione del tumore, sulla presenza di metastasi.
  • Mammografia tomografica: le immagini ottenute dalla ghiandola mammaria sono piegate in un'immagine tridimensionale, che può essere utilizzata per determinare la localizzazione del tumore e altri dati sulla malattia. La tomosintesi della ghiandola mammaria, che mostra l'immagine sotto forma di sezioni sottili, è sempre più utilizzata. Come nella tomografia computerizzata, i dati per la tomosintesi si ottengono spostando l'emettitore.
  • Una mammografia laser tomografica utilizza la radiazione laser a infrarossi. Ciò si traduce in immagini tridimensionali con risultati molto istruttivi. Puoi letteralmente esaminare ogni centimetro di tessuto e la precisione diagnostica è piuttosto alta.

I metodi piuttosto costosi sono raramente utilizzati per gli esami di routine, ma se si sospetta un tumore, possono fare una diagnosi rapida e accurata.

Cambiamenti nel corpo femminile durante i diversi periodi delle mestruazioni

Il progesterone, o "ormone della gravidanza", è secreto nelle ovaie e nelle ghiandole surrenali, è necessario preparare l'utero per il concepimento, aiuta a mantenere la gravidanza e un effetto benefico sul sistema nervoso. Questo ormone determina il processo di ovulazione (la comparsa di un uovo maturo dall'ovaio all'incirca nel mezzo del ciclo mestruale).

In uno stato di salute, il livello di progesterone nella prima metà del ciclo mestruale è relativamente basso. Inoltre, il livello ormonale aumenta a seconda della fase delle mestruazioni. Dopo l'ovulazione, se si verifica una gravidanza, il livello di progesterone aumenta ulteriormente, altrimenti diminuisce e inizia la scarica mensile.

Il progesterone ha un effetto molto forte sulle ghiandole mammarie nella seconda metà del ciclo, quindi la mammografia durante o dopo l'ovulazione non è molto istruttiva. È meglio eseguire un esame del seno nella prima metà del ciclo prima che il livello di progesterone aumenti e si verifichi l'ovulazione. Durante questo periodo, le ghiandole mammarie sono le più indolori e morbide sullo sfondo di elevati livelli di estrogeni.

Quale fase del ciclo mestruale dovrebbe essere esaminata?

Il ciclo mestruale dipende dalle caratteristiche individuali e può variare nei diversi periodi di attività sessuale. Esistono tipi fondamentali di durata del ciclo:

  1. Un breve ciclo mestruale (dura 21-28 giorni) - una mammografia viene eseguita dal 3 ° al 7 ° giorno del ciclo.
  2. Il ciclo medio (dura 28-35 giorni) - in questo caso, puoi effettuare un esame dal giorno 5 al giorno 12.
  3. Un ciclo lungo (più lungo di 35-36 giorni) è il periodo più favorevole per la mammografia da 9 a 18 giorni.

Con un ciclo irregolare, una mammografia viene eseguita dopo la fine delle mestruazioni, all'inizio della menopausa e la cessazione delle mestruazioni, può essere esaminato in qualsiasi momento. La procedura è la seguente: una donna si trova di fronte a una mammografia (macchina a raggi X), il seno è fissato tra due piastre, leggermente schiacciato.

Ogni seno viene controllato separatamente, consente di confrontare la loro condizione anatomica e selezionare i nodi condensati. Eseguire uno snapshot in due proiezioni, in base al quale il medico determina la presenza di tumori tumorali. A volte è necessario scattare foto con proiezioni aggiuntive per specificare i risultati.

Prima di visitare il gabinetto con un'unità di mammografia, è necessario fare un bagno e quindi non usare aerosol, deodoranti e altri prodotti igienici e cosmetici in modo che l'immagine non produca strani punti e scurirsi. L'intera procedura richiede 10-15 minuti e non richiede molto sforzo.

In una situazione di emergenza, l'esame viene condotto in qualsiasi giorno del ciclo, tuttavia, il medico deve tenere conto di queste informazioni durante la diagnosi e la valutazione dello stato di salute. Lo stesso vale per la conduzione della mammografia durante le mestruazioni - questo è permesso, ma può influenzare la determinazione della diagnosi.

Possibili risultati del sondaggio

Nello stato normale, non ci sono sigilli visibili o oscuranti nelle immagini, i tessuti appaiono uniformemente densi, senza inclusioni straniere. Ci sono linfonodi, vasi e condotti del latte di dimensioni normali.

I risultati standard delle descrizioni mammografiche dipendono dalla presenza di patologie:

  • categoria zero - valutazione incompleta, se i risultati erano insufficienti o dubbi per fare una diagnosi;
  • Categoria I - negativa, se la donna è sana, non si notano anomalie nel seno;
  • II categoria: ha trovato una formazione benigna;
  • Categoria III - ha rivelato un'istruzione benigna, che richiede chiarimenti e verifiche aggiuntive, molto probabilmente, la re-mammografia è necessaria in sei mesi;
  • Categoria IV: un tumore sospetto, in cui viene prescritta una biopsia per una diagnosi accurata;
  • V categoria - un tumore maligno è trovato con un'alta probabilità, perciò una biopsia è necessaria;
  • La categoria VI è un tumore maligno stabilito, confermato dalla biopsia.

Nel determinare i risultati, lo specialista si concentra non solo sulle immagini ottenute, ma anche sulla storia della malattia e sugli indicatori di altri studi. Se si formano tumori benigni nei tessuti della ghiandola mammaria, possono essere identificati dalle seguenti caratteristiche:

  • area oscurata di forma più regolare (arrotondata o ovale);
  • chiari contorni locali;
  • le parti adiacenti non sono coinvolte nel processo tumorale;
  • crescita lenta di una neoplasia senza germinazione nei tessuti circostanti (in dinamica si osserva un aumento del diametro del tumore fino al 10% durante un anno).

Segni di tumori maligni nella foto:

  • forma irregolare di oscuramento (allungato, con bandiere evidenti);
  • contorni sfocati, sfocati, intermittenti;
  • attorno al tumore, l'oscuramento è meno saturo (a causa dell'infiltrazione dei tessuti circostanti);
  • il centro di oscuramento può essere collegato alla pelle o al capezzolo;
  • pelle ispessita nella zona del tumore;
  • nelle neoplasie cancerose, il diametro del tumore aumenta in modo intensivo (circa due volte in 10-12 mesi).

Quante volte puoi fare una mammografia

I tumori al seno occupano la seconda posizione (dopo il cancro ai polmoni) tra tutti i tumori. I tumori benigni e maligni del seno possono verificarsi a qualsiasi età, la probabilità aumenta solo durante la menopausa e la menopausa. I tumori sono diagnosticati in ogni dodicesima donna a 40 anni e, con l'età, questo rapporto cambia gradualmente: ogni decimo dopo 60 anni.

Sono noti oltre 50 tipi di mastopatia (tumori benigni): lipomi, fibroadenomi, tumori fibrocistici e molte specie maligne. Tutti i tumori vengono trattati più efficacemente nelle fasi iniziali, quindi è necessario condurre una mammografia ogni anno dopo 40 anni o più spesso quando si osservano i primi sintomi sospetti. Per valutare il trattamento, viene prescritta ripetutamente una mammografia, anche per un mese.

Sulla base di quanto sopra, si possono trarre diverse conclusioni: la mammografia è una procedura annuale obbligatoria per le donne di mezza età dopo 40-45 anni. Eventuali reclami di dolore, scarico dal torace, cambiamenti di colore o forma dovrebbero essere indirizzati a uno specialista.

È necessaria una costante autodiagnosi dello stato del seno, ma l'autotrattamento domiciliare è assolutamente controindicato. La ricerca tempestiva di assistenza medica è la chiave per il trattamento efficace e di successo di qualsiasi tumore.

Quando hai bisogno di una mammografia, in quale giorno del ciclo?

Le malattie delle ghiandole mammarie stanno diventando più giovani ogni anno. I tumori benigni in questa zona possono verificarsi anche nelle ragazze e, dopo 35 anni, tutti dovrebbero essere diffidenti nei confronti dei tumori maligni. Ai fini della diagnosi precoce dell'oncopatologia, i medici prescrivono spesso la mammografia. Qual è questo metodo e quando è meglio farlo?

mammografia

La mammografia è un metodo a raggi x per lo studio delle ghiandole mammarie. Viene utilizzato per un lungo periodo e consente di identificare le formazioni patologiche nel torace nelle prime fasi.

La mammografia si riferisce a metodi di esame non invasivi. In precedenza, non aveva concorrenti. Attualmente, la diagnosi delle malattie del seno può essere effettuata utilizzando:

  • Esame ecografico
  • Tomografia computerizzata
  • MR.
  • Color Doppler.
  • Biopsia.
  • Tomografia a impedenza elettrica
  • Termografia.

Tuttavia, la mammografia è il primo metodo diagnostico prescritto dal medico. È usato per lo screening oncopatologico e altre malattie delle ghiandole mammarie.

Per questo metodo, la tempistica è molto importante, lo studio può essere eseguito lontano da ogni giorno del ciclo.

Per capire quale periodo sarà ottimale per la mammografia, è necessario presentare le caratteristiche di questa procedura.

Tecnica di

Al fine di ottenere un'immagine di alta qualità delle strutture della ghiandola mammaria, è posto in un mammografo e schiacciato un po '. Ciò consente di visualizzare anche formazioni profonde. Più morbido è il torace al momento dello studio, più è facile scattare una foto. E la compressione dell'organo non causerà il disagio del paziente.

A causa della stretta compressione del seno sono ridotti:

  • Sfoca l'immagine a causa del movimento.
  • Errori di immagine associati alla distanza dall'oggetto di studio al film.
  • Dose assorbita, come la ghiandola mammaria si appiattisce.

Inoltre, con una compressione sufficiente del torace, l'immagine è uniforme e le differenze tra tessuto sano e neoplasma sono chiaramente visibili.

Se il medico ha prescritto una mammografia - in quale giorno del ciclo dovrebbe essere effettuato questo studio?

Mammografia e ciclo mestruale

La struttura delle ghiandole mammarie dipende dal giorno del ciclo mestruale. Il torace diventa più denso e doloroso prima delle mestruazioni. Durante questo periodo, anche toccarla può essere spiacevole. Questo gonfiore delle ghiandole è chiamato sindrome premestruale.

A questo punto, una mammografia non è raccomandata, dal momento che lo studio non sarà solo doloroso, ma anche non informativo.

I seni densi e rigonfi non permetteranno di eseguire una compressione sufficiente e, pertanto, la probabilità di distorsione o errore dell'immagine sarà troppo elevata.

La ghiandola più mite diventa tra il quinto e il dodicesimo giorno del ciclo mestruale. Questo è il divario tra la fine delle mestruazioni e l'ovulazione, dopo di che il seno inizierà nuovamente a gonfiarsi e ispessirsi sotto l'azione dell'ormone progesterone.

Mammografia per le mestruazioni

È possibile avere una mammografia durante le mestruazioni? Poiché la mammografia è ufficialmente raccomandata per eseguire dal quinto al dodicesimo giorno del ciclo, alcuni pazienti hanno la domanda: "È possibile esaminare il seno durante le mestruazioni?" In effetti, non tutte le mestruazioni durano 3-4 giorni. Il sanguinamento potrebbe continuare per una settimana o più.

Non ci sono raccomandazioni chiare in ginecologia su questo problema. Le mestruazioni non sono una controindicazione per l'esecuzione della mammografia. Tuttavia, tali caratteristiche del ciclo possono influenzare la struttura delle ghiandole mammarie. E poi anche per 6-7 giorni il seno può rimanere condensato e doloroso.

Ecco perché i ginecologi in questa situazione sono invitati a svolgere uno studio più tardi - nell'8-12 giorno del ciclo, al fine di livellare eventuali errori.

Restrizioni di età

Quanti anni può avere una mammografia? L'esame radiografico delle ghiandole mammarie può essere eseguito a qualsiasi età, se indicato. Questi includono:

  1. Rigidità toracica palpabile.
  2. Isolamento del sangue dal capezzolo
  3. Tirando, appiattendo il capezzolo.
  4. Ghiandola della pelle a buccia di limone.

Nonostante il fatto che il metodo di ricerca implichi l'esposizione alle radiazioni, il suo valore diagnostico e i suoi benefici sono incommensurabili con l'eventuale danno.

Tuttavia, se parliamo di mammografia come metodo di screening per rilevare l'oncopatologia, la situazione è diversa a questo riguardo.

A differenza degli ultrasuoni, la mammografia non è così sicura e la sua tenuta annuale in giovane età non è raccomandata. Diversi paesi hanno le proprie raccomandazioni per utilizzarlo come screening.

Di norma, le mammografie vengono regolarmente utilizzate dall'età di 35-40 anni, a seconda della patologia concomitante della donna e dei fattori di rischio per lo sviluppo di tumori e, in particolare, del cancro al seno.

I ginecologi raccomandano di eseguire questo esame almeno una volta ogni due anni. Per alcuni pazienti, viene mostrato ogni anno. Fino a 35-40 anni, l'ecografia delle ghiandole è considerata più informativa e sicura.

Se una donna ha raggiunto la menopausa, può eseguire una mammografia in qualsiasi giorno del mese. L'esame radiologico del seno è possibile anche con impianti.

impianti

Lo svantaggio degli impianti è che possono complicare seriamente la diagnosi di tumori maligni nell'area del seno.

Un esame a raggi X in una situazione del genere è possibile. Tipicamente, il metodo prevede di esaminare i tessuti della ghiandola in due proiezioni, poiché l'anatomia di questo organo è tale che anche con la compressione più densa di un'immagine, non è sufficiente visualizzare tutte le formazioni. Se necessario, applicare e esame aggiuntivo.

Se il paziente ha protesi mammarie, ostacolano significativamente la visualizzazione. E in questo caso, i medici non sono limitati a due proiezioni standard. Il radiologo utilizza speciali - ulteriori - proiezioni chiamate Eklund. Qual è l'essenza di questo studio?

L'impianto sintetico in questa situazione viene spostato verso il petto e le piastre dell'apparato comprimono il tessuto situato nella parte anteriore. Pertanto, è il tessuto mammario che viene catturato e viene scattata un'immagine a raggi X.

Tuttavia, va ricordato che le protesi mammarie possono causare diagnosi di scarsa qualità di oncopatologia. Come nel caso del seno normale, si raccomanda di eseguire lo studio nei 5-12 giorni del ciclo mestruale.

Tipi di ricerca

La mammografia moderna è di due tipi: film e digitale. Il film nasce dagli anni venti del secolo scorso. Questo è un metodo di diagnosi comune e abbastanza efficace, ma non privo di difetti. Questi includono:

  • Difficoltà di diagnosi in formazioni di piccole dimensioni o scarsamente contrastate.
  • L'incapacità di modificare qualsiasi caratteristica dell'immagine a raggi X dopo l'esposizione è stata eseguita.
  • Tecnicamente complessa e complessa per l'elaborazione delle immagini.
  • Le strutture e le attrezzature necessarie per il loro deposito, la creazione di un archivio speciale.
  • Non è possibile trasmettere dati in forma digitale per la consultazione.

E sebbene la mammografia cinematografica sia stata usata per molto tempo e abbia funzionato bene, la medicina moderna richiede un metodo di ricerca più informativo.

Ricerca digitale

Ad oggi, un degno analogo della mammografia cinematografica è il metodo di ricerca digitale. È privo delle carenze del suo predecessore. Inoltre, il metodo presenta ulteriori vantaggi. I più importanti tra questi sono i seguenti:

  • La fattibilità economica di tale screening.
  • Ridurre la dose di esposizione alle radiazioni.
  • Aumento dell'efficienza del metodo, la capacità di rilevare la malattia in una fase precedente.
  • L'uso delle telecomunicazioni per la trasmissione di immagini e consigli digitali.

Sfortunatamente, i dispositivi digitali non sono attualmente disponibili in tutte le istituzioni mediche, ma col tempo sostituiranno definitivamente gli analoghi cinematografici. Per eseguire la diagnostica su un dispositivo moderno, è anche necessario considerare il giorno del ciclo. Nonostante l'ottima informazione e la migliore visualizzazione delle formazioni del seno, il principio del metodo rimane lo stesso. Una compressione densa dell'organo è necessaria per migliorare la qualità dell'immagine, per esaminare in dettaglio tutte le strutture e per ridurre l'effetto delle radiazioni sulla ghiandola.

Pertanto, lo stesso periodo rimane il migliore - il 5-12 giorno del ciclo mestruale del paziente.

In quale giorno del ciclo fai una mammografia

Tumori maligni nei tessuti delle ghiandole mammarie - una patologia abbastanza comune. Questo disturbo è completamente suscettibile al trattamento, la cui efficacia dipende direttamente dalla tempestività del rilevamento della malattia. Il metodo principale per diagnosticare il cancro nelle ghiandole mammarie è la mammografia. In quale giorno del ciclo farlo e a chi - diciamo oltre.

Le statistiche - globali e russe - sono deludenti: 1,25 milioni di donne di tutte le età nel mondo e 54 mila nel nostro paese affrontano ogni anno la terribile diagnosi di cancro al seno. Ma dobbiamo ricordare che questa diagnosi non è il verdetto finale.

L'essenza della mammografia e le indicazioni per lei

Una mammografia comporta una breve esposizione delle ghiandole mammarie alle onde dei raggi X a bassa intensità. Durante l'esame nei tessuti della ghiandola:

  • le aree colpite sono rilevate;
  • la loro localizzazione è determinata con precisione;
  • misurato dalla quantità di formazioni patologiche.

Deve essere preso regolarmente, specialmente per le donne a rischio. È nel corso della ricerca sulla mammografia che un tumore maligno può essere rilevato nelle prime fasi dello sviluppo, quando il suo trattamento è più efficace. Oltre alle formazioni oncologiche, consente di diagnosticare varie patologie benigne, ma che richiedono patologie terapeutiche: fibroadenomi, cisti, depositi di sale di calcio.

Il medico consiglierà sicuramente una mammografia se il paziente ha:

  • dolore delle ghiandole mammarie, il loro rossore, gonfiore;
  • si osserva la fuoriuscita dei capezzoli, la loro forma cambia;
  • aree compatte si sentono nel petto;
  • contorni normali deformati del torace.

A che età è l'esame?

Sebbene la radiazione del dispositivo sia assolutamente innocua per la salute, è meglio fare un'ecografia durante la gravidanza e l'allattamento. È sicuro, puoi eseguirlo ripetutamente e anche più volte di seguito. I risultati più affidabili si ottengono quando viene eseguito nei giorni 7-9 dopo l'inizio del ciclo mestruale. L'ecografia è il metodo principale per diagnosticare i cambiamenti patologici nel seno:

  • nell'infanzia e nell'adolescenza;
  • sotto i 35-40 anni;
  • in pazienti con iperplasia diffusa del tessuto ghiandolare, indipendentemente dall'età.

Le donne over 40 devono prestare particolare attenzione alle condizioni del seno. Bene, se non ci sono lamentele, ma questo non significa che puoi rifiutarti di fare una visita obbligatoria a un mammologo. Contattalo dovrebbe essere almeno una volta all'anno. Se i segni premonitori compaiono in età precoce, è meglio non posticipare la consultazione con uno specialista. In una situazione del genere, non è solo possibile, ma è addirittura necessario fare una mammografia.

Il momento perfetto per la mammografia

Il giorno ottimale per il sondaggio è determinato individualmente per ciascuna donna e dipende dal suo ciclo.

Per rendere la diagnosi inconfondibile e portare almeno sensazioni dolorose, si consiglia di farlo sul 7-12 giorni dall'inizio del periodo mestruale. Tali termini sono dovuti a cambiamenti ciclici che si verificano nel corpo femminile:

  1. Da 1 a 13 giorni del ciclo mensile, si verifica il processo di maturazione delle uova. È caratterizzato da un aumento della produzione di ormoni steroidei femminili - estrogeni, che aiuta a ridurre la tensione nel petto e ridurre la sua sensibilità.
  2. Da 14 a 16 giorni dopo l'inizio delle mestruazioni, si verifica l'ovulazione: un uovo maturo lascia l'ovaio. In questi giorni, il contenuto di estrogeni nel corpo femminile raggiunge il massimo. Sotto la loro influenza nel tessuto mammario, la massa degli elementi ghiandolari aumenta drammaticamente. Quando si fondono l'un l'altro, si formano le cisti. Per questo motivo, alcuni dei gentili sesso nel mezzo del ciclo appaiono dolore pronunciato nelle ghiandole mammarie.
  3. Dal 17 al 28 giorno del ciclo, il corpo luteo matura. Questo tempo è associato alla predominanza dell'ormone progesterone, sotto l'influenza di cui l'utero si appresta a ricevere un ovulo fecondato. Nelle ghiandole mammarie, il flusso sanguigno aumenta e il gonfiore aumenta, raggiungendo un picco all'inizio delle mestruazioni. È perfettamente normale se durante questo periodo compaiono gonfiore, fastidiosi dolori e sensazione di scoppio.

Durante la menopausa, puoi essere esaminato a mammografia in un dato giorno.

Cosa succede se non c'è modo di aspettare?

Se effettuare l'ispezione in uno di giorni, ottimale per esso, la probabilità di errori di diagnostics diminuisce significativamente. A questo punto, un pronunciato rigonfiamento del seno e il suo dolore stanno già avendo luogo.

Ma la vita detta le sue regole e ci sono situazioni in cui aspettare che il giorno giusto sia indesiderabile. Qual è il modo di offrire specialisti? È possibile eseguire un esame, ma il diagnostico deve tenere conto dei probabili cambiamenti che si verificano nel tessuto mammario sotto l'influenza di una fase o di un'altra del ciclo. Eppure l'accuratezza dei risultati rimarrà in dubbio.

Procedura Procedura

Una mammografia di screening non richiede un addestramento speciale. Ci sono solo due requisiti che i medici impongono: non usare cosmetici e profumi nel sito di studio e liberare l'area del collo dai gioielli.

La durata della procedura non supera i 20 minuti. Quasi non porta disagio. Le sensazioni dolorose sono notate solo dalle donne estremamente sensibili al tatto.

  1. Un paziente con un torso nudo è posto di fronte a un'unità mammografica.
  2. Posizionare alternativamente prima e poi la seconda mammella tra le piastre del dispositivo e premere delicatamente. Con questa tecnica puoi scattare foto di alta qualità.
  3. Il dispositivo produce un'immagine del petto in 2 proiezioni: diritte e oblique. Grazie a questo è possibile ottenere informazioni complete sulle sue condizioni.
  4. In alcuni casi, il paziente prende altre immagini.
  5. Alla fine della sessione, il radiologo fa una descrizione dei risultati e dà la sua conclusione.

La frequenza delle indagini

Le donne che hanno già subito una mammografia spesso si chiedono quale intervallo di tempo sia necessario tra le procedure.

  • I medici raccomandano che l'eterosessuale di età superiore a 40 anni dovrebbe condurre lo screening del seno a una mammografia in assenza di reclami una volta all'anno.
  • Al raggiungimento di 50 anni, la frequenza delle procedure aumenta: dovrebbero essere eseguite ogni 6 mesi.
  • Se l'esame è di natura diagnostica, non ci sono restrizioni al mese. È permesso tenere diverse sessioni a seconda del consiglio dato dal medico curante. L'intensità dell'irradiazione durante la procedura è molto bassa e il suo effetto biologico sul corpo è minimo.

Compatibilità con altri studi

Non esiste il divieto assoluto del passaggio della mammografia lo stesso giorno della fluorografia. Entrambe le procedure sono esami preventivi obbligatori, ma riguardano la diagnosi radiologica. Inoltre, l'esposizione alle radiazioni in entrambi i casi è diretta a un sito.

Non è difficile indovinare quale sarà il risultato se si eseguono due procedure contemporaneamente: il torace riceverà il doppio del carico di radiazioni. E questo aumenterà la probabilità di sviluppare il cancro. Per questo motivo, la mammografia e la fluorografia dovrebbero essere eseguite ad intervalli di almeno 2 settimane. Idealmente, tra le procedure dovrebbero passare diversi mesi.

Un'eccezione può essere solo una situazione in cui è necessario dissipare o confermare sospetti di grave patologia, come il cancro al seno con la diffusione di metastasi nei polmoni. Qui la diagnosi tardiva è molto più pericolosa della maggiore dose di radiazioni.

Il piombo è usato tradizionalmente come misure di protezione dalle radiazioni, riducendo l'intensità della radiazione e interrompendo l'esposizione ad esso.

Prima di effettuare la diagnostica a raggi X, i medici consigliano di bere un bicchiere di latte fresco e, prima della fine della giornata, usare vino rosso secco e concentrarsi su cibi ricchi di fibre. È utile assumere farmaci con effetto adsorbente (carbone attivo, Atoxyl, Enterosgel).

Il momento giusto per eseguire uno studio mammografico e la conformità con le raccomandazioni degli specialisti nella preparazione per esso sono una garanzia della sua accuratezza e sicurezza.

Mammografia: indicazione, controindicazione e in quale giorno è necessario eseguire una mammografia

La malattia più comune nelle donne oggi è considerata una malattia come il cancro al seno. È per questo motivo che la prevenzione di una tale malattia dovrebbe essere diffusa.

Perché la mammografia è così importante?

Il cancro si sviluppa molto lentamente. I medici ritengono che l'età più pericolosa per le donne sia considerata una lacuna di 45 anni e oltre. Ciò è dovuto a cambiamenti significativi nel background ormonale.

Fu durante questo periodo che gli esperti raccomandarono un esame delle ghiandole mammarie a una mammografia per rilevare anche i cambiamenti più insignificanti nelle ghiandole mammarie. La diagnosi precoce di tumori maligni aiuta a curare un numero sufficiente di casi. Questo è possibile a causa del fatto che il cancro viene rilevato in una fase molto precoce.

Anche una neoplasia molto piccola è molto difficile da trovare da solo, anche se pratichi un autoesame costante. Il modo migliore per rilevare un cancro è la mammografia.

Questo metodo diffuso ed efficace può rilevare il cancro al seno di circa l'80%.

La mammografia è chiamata esame non invasivo del seno. Questa procedura è raccomandata per assolutamente tutte le donne dopo 40 anni. Inoltre, la mammografia è indicata se ci sono indurimenti nelle ghiandole mammarie, secrezioni dei capezzoli, nodi e cambiamenti evidenti nella pelle.

Gli esperti dicono che un tale esame dovrebbe essere effettuato da donne che hanno malattie ginecologiche croniche. La mammografia è necessaria per poter diagnosticare le malattie tumorali nelle ghiandole mammarie il prima possibile. La procedura è un po 'come una radiografia. L'immagine è fissa, ad esempio, registrano su un disco DVD.

Le mammografie sono raccomandate per tutte le donne che hanno raggiunto il quarantesimo anniversario. La procedura viene eseguita annualmente (una volta all'anno) o due volte l'anno, anche se il paziente non ha mai avuto lamentele con le ghiandole mammarie. A volte la mammografia viene eseguita più spesso. Questo vale per quei casi in cui il medico ritiene che ciò sia necessario.

Ulteriori informazioni sulla mammografia possono essere trovate nel video.

Se il paziente ha alcuni disturbi legati alle ghiandole mammarie, deve essere discusso con il medico curante (mammologo, ginecologo, chirurgo o oncologo) e prescriverà l'esame necessario e quindi il trattamento corretto.

Indicazioni per la mammografia

La mammografia deve essere eseguita se c'è:

  1. Dolore al seno
  2. Cambia in forma di capezzolo
  3. I sigilli appaiono nel petto
  4. Il contorno del seno sfoca, arrossisce
  5. Scarica dai capezzoli

Leggi: Mammografia: costo e vantaggio del metodo

Controindicazioni per la mammografia

La mammografia è controindicata in tre categorie di donne:

  1. Rimani in qualsiasi età gestazionale
  2. Madri che allattano. Tale esame ha luogo se ci sono chiare indicazioni per la mammografia. Il momento della diagnosi in questo caso è selezionato individualmente per ogni donna che allatta.
  3. All'età di 35 anni (in questo momento, la radiazione a raggi X influenza notevolmente il corpo femminile, quindi la mammografia viene sostituita dall'ultrasuono)

Che giorno fa la mammografia?

Non esiste una raccomandazione generale per questa procedura per tutte le donne. Tutto dipende da quale categoria appartiene:

  • Le donne il cui ciclo mestruale è molto breve dovrebbero avere una mammografia dal terzo al quinto giorno dall'inizio. Gli esperti dicono che durante questo periodo di tempo l'esame delle ghiandole mammarie sarà completamente indolore e con il massimo comfort. In questo caso, un ciclo mestruale breve è considerato un periodo di 21 giorni, piuttosto che un periodo standard di 28 giorni.
  • Se il ciclo mestruale del paziente è di circa 28 giorni o quattro settimane, è consuetudine condurre una mammografia da 6 a 12 giorni. I medici chiamano questo ciclo la media. Gli esperti insistono su questo periodo di tempo, perché è in questo momento che il seno è il più rilassato possibile a causa dell'aumentata produzione dell'ormone femminile, l'estrogeno.
  • Se il ciclo mestruale di una donna è superiore a 35 giorni, i medici stabiliscono un periodo specifico per la mammografia. Inizia da 10 giorni e termina alle 18. È durante questi periodi per le donne con un ciclo lungo che questa procedura sarà più comoda. In questo periodo, i tumori possono essere facilmente rilevati prima che inizi la produzione di progesterone e la successiva ovulazione si verifichi nel corpo femminile.

Ciò è dovuto al fatto che il progesterone, che appartiene agli ormoni della seconda fase, ha un effetto molto forte sulle ghiandole mammarie del paziente. È per questo motivo che la diagnosi durante l'ovulazione è completamente disinformativa.

Le donne che hanno già iniziato la menopausa dopo 40 anni, gli esperti raccomandano di contattare un medico per un esame assolutamente ogni giorno del ciclo mestruale.

Non è necessario attendere il momento in cui inizia il ciclo mestruale, ma è meglio tenere immediatamente una mammografia mammaria. Ciò dovrebbe essere fatto in quanto il sanguinamento può verificarsi in qualsiasi momento, come nelle donne dopo il quaranta ciclo irregolare. Se non ci sono le mestruazioni per diversi anni, allora è meglio diagnosticare immediatamente dopo il trattamento.

Leggi: Quando è possibile eseguire una mammografia: appuntamento, preparazione e procedura di esame

Non preoccuparti che il sondaggio fornisca risultati errati. Tutte le indicazioni per le donne durante la menopausa saranno assolutamente vere, dal momento che i loro ormoni hanno già completato il loro lavoro e non possono in alcun modo distorcere i dati.

Cosa dovrei sapere sulla procedura?

Conduzione e preparazione per la mammografia

Prima di venire per un esame del seno, parla con il tuo medico. Deve darti appuntamenti speciali. Inoltre, il medico calcola correttamente la data della mammografia in base ai dati ottenuti il ​​giorno dell'inizio dell'ultima mestruazione e la durata totale del ciclo.

Prima di andare al sondaggio fare una doccia e ricordare che l'uso di qualsiasi crema, deodorante o talco è controindicato. Questo è irto del fatto che possono apparire delle macchie nelle immagini e il medico può trarre conclusioni errate sul fatto che il seno sia sano o no.

Per l'implementazione della procedura utilizzando un apparecchio a raggi X, che è chiamato un mammografo. L'intero periodo di detenzione dura da 10 a 20 minuti. Una donna che è venuta per un esame deve stare di fronte a un'unità di mammografia e un tecnico di laboratorio fissa il seno tra le lamelle speciali, mentre stringe leggermente.

L'immagine è presa in due proiezioni, aiuterà a identificare con particolare accuratezza dove si trova la formazione patologica.

Ciascuna delle ghiandole mammarie viene rimossa separatamente. Questo viene fatto per poter successivamente condurre un'analisi comparativa di questi e identificare una possibile differenza negli ispessimenti, nell'asimmetria e nella presenza di sigilli. Se lo specialista decide che i risultati ottenuti non sono sufficienti per stabilire le conclusioni finali, realizza diverse immagini più accurate di ciascuna area del seno dall'angolo richiesto. Alcuni modelli di mammografi moderni possono prelevare cellule dalle ghiandole mammarie per l'analisi istologica.

Non cadere nella disperazione, se durante questo esame hai trovato dei cambiamenti, perché possono essere benigni e non maligni. Ma in ogni caso, va ricordato che una diagnosi precoce delle ghiandole mammarie aiuterà a condurre un trattamento efficace.

Mammografia: caratteristiche e regole della procedura

Il cancro al seno è uno dei tumori più comuni in tutte le misure. Solo nel nostro paese hanno rivelato più di 50 000 casi. Solo la mammografia regolare è l'unico modo per diagnosticare tempestivamente e adottare misure per rimuovere il tumore. Ma oggi, non tutte le donne sanno come sottoporsi correttamente a una mammografia e quale sia la procedura.

Cos'è la mammografia e per cosa è fatta?

La mammografia è un esame diagnostico non invasivo delle ghiandole mammarie, il più delle volte eseguito con raggi X. Permette di identificare la patologia nel tessuto mammario, nonché le dimensioni esatte e la posizione delle aree interessate. Oltre ai tumori maligni, uno studio mammografico aiuta a identificare tumori benigni, calcificazioni e cisti.

Nonostante la popolarità del metodo di ricerca a raggi X, oltre a questo ci sono ancora i seguenti tipi di mammografia:

  • Ecografia del seno;
  • mammografia ottica;
  • imaging a risonanza magnetica;
  • ricerca usando le microonde.

Indicazioni e controindicazioni per lo studio

La procedura può essere eseguita sia in una procedura pianificata (preventiva) sia per ragioni mediche.

Questi includono:

  • formazioni patologiche nel tessuto mammario, scoperto indipendentemente o in uno studio medico;
  • dolore al petto;
  • varie perdite di capezzolo;
  • cambiamenti nel contorno del seno o delle sue dimensioni.

Se il tumore è già stato rilevato, l'indicazione non è una diagnosi, ma un controllo. Per valutare i cambiamenti nel tessuto mammario e l'efficacia del trattamento prescritto, è possibile prescrivere una mammografia anche diverse volte al mese.

È importante sapere che questo studio ha le seguenti controindicazioni:

  1. la gravidanza;
  2. Periodo di lattazione;
  3. Età fino a 35 anni.

Le procedure in gravidanza e in allattamento possono essere consentite, ma solo se ci sono buone ragioni per questo. Per quanto riguarda le donne fino a 35 anni, l'ultrasuono si adatta meglio a loro. Ciò è dovuto al fatto che in giovane età il seno ha una struttura più densa e questo può portare a risultati errati della radiografia.

Come è la procedura?

Lo studio è condotto utilizzando un'unità mammografica - una speciale macchina a raggi X. La procedura stessa si svolge seduto o in piedi. In alternativa, il petto è posto su una speciale piastra orizzontale, sulla quale è posta un'altra piastra.

Per rendere la mammografia più istruttiva, queste placche appiattiscono leggermente il seno. A causa del fatto che la ghiandola mammaria diventa più sottile, anche le più piccole formazioni e tumori vengono rivelate. La posa del seno di solito è aiutata da un tecnico di laboratorio a raggi x, inoltre spiega come eseguire una mammografia.

Rimuovono la ghiandola mammaria in due proiezioni: oblique e diritte: aiuta a ottenere risultati più istruttivi. L'esame dura 7-10 minuti. Successivamente, i dati vengono registrati nell'immagine e vengono valutati dal medico.

Da che età puoi fare una mammografia

La domanda più comune, quando fare una mammografia mammaria, viene data alle donne di mezza età. Infatti, lo screening mammografico è designato principalmente dopo aver raggiunto l'età di 40-45 anni. Come già accennato, prima dei 35 anni lo studio sarà meno informativo.

L'eccezione sarebbero le donne a rischio. Questo gruppo comprende coloro che nelle generazioni precedenti avevano parenti con cancro al seno, al pancreas e ai genitali.

Avendo deciso quale età e quando eseguire correttamente una mammografia, è necessario conoscere la frequenza necessaria della procedura. Sane donne quarantenni, questo studio è sufficiente per fare ogni 2 anni. All'età di 50 anni, la frequenza cambia fino a due volte all'anno.

Più spesso di due volte all'anno, la procedura può essere assegnata nei seguenti casi:

  • un tumore è stato precedentemente rilevato nel paziente;
  • donna che soffre di mastite o mastopatia;
  • il paziente è stato sottoposto a chirurgia ginecologica;
  • infertilità;
  • l'obesità.

Nelle suddette situazioni, il sondaggio può essere effettuato fino a 4-5 volte al mese.

In quale giorno del ciclo è meglio fare

Le donne, che avranno un esame mammologico, si chiederanno prima di tutto in che giorno fare una mammografia mammaria, poiché il ciclo influirà sulla rilevazione delle lesioni focali. Pertanto, è necessario capire in quale giorno della mammografia mensile fare.

In risposta alla domanda - su quale giorno del ciclo è meglio fare una mammografia, gli esperti danno una risposta definitiva.

È meglio sottoporsi alla procedura da 5 a 12 giorni del ciclo mestruale.

Ciò è dovuto al fatto che se l'esame ha luogo durante i giorni critici, allora la struttura dei lobi ghiandolari del seno sarà cambiata, dal momento che il seno sarà gonfio. Prima che i risultati mensili saranno anche indicativi - l'accumulo di liquidi porterà ad un aumento delle ghiandole mammarie e renderle più sensibili.

Se si sottopone a una mammografia durante o dopo l'ovulazione, può portare all'irradiazione di un ovulo fecondato se si verifica il concepimento. E questo può portare a problemi con la crescita e lo sviluppo dell'embrione.

Pazienti che hanno già la menopausa, non importa in quale giorno fare una mammografia: possono andare alla clinica per una mammografia assolutamente in qualsiasi momento.

Come prepararsi per la procedura

Il passo finale dopo aver determinato quale mammografia del periodo è stata eseguita sarà la preparazione per la procedura.

Per ottenere risultati affidabili, devi seguire queste regole:

  1. Se si avverte dolore o fastidio prima della procedura, è imperativo informare il medico che esegue lo studio.
  2. Tutti i gioielli metallici dovrebbero essere rimossi prima della procedura.
  3. Non è consigliabile utilizzare creme, deodoranti e antitraspiranti a base di talco sotto le ascelle e l'area del torace. Provocano false ombre sui colpi di mammografia. Vedendoli, il medico può considerarli come segni di tumori maligni.
  4. Porta e mostra al tuo medico i risultati di precedenti indagini per valutare le dinamiche.
  5. Se i sigilli possono essere palpati, il medico deve essere informato di questo per poter esaminare attentamente quest'area.

Non sono richiesti cambiamenti nell'alimentazione o l'adesione a un regime di bere speciale prima dell'esame del seno.

I risultati sono generalmente ottenuti in poche ore. Se non ci sono tumori e altri processi di disturbo, il risultato sarà negativo.

Se vengono trovate le cisti o le formazioni, il medico ti suggerirà di sottoporti anche a una serie di procedure: un'analisi del sangue, un'ecografia della ghiandola mammaria e altre. Anche se ci sono timori che i tumori possano essere trovati maligni, non c'è bisogno di disperare - la diagnosi tempestiva aumenta le possibilità di un trattamento efficace.

È necessario capire che il cancro al seno è una malattia grave e in rapida diffusione, quindi è importante che ogni donna sappia non solo come eseguire una mammografia, ma anche sottoporsi regolarmente a questa procedura.

video

Dal nostro video scoprirai chi e quando dovrebbe sottoporsi a una mammografia.

In quale giorno del ciclo fai una mammografia

Più una donna diventa anziana, più aumenta la lista degli esami sanitari annuali obbligatori. Il metodo diagnostico più comune e necessario è la mammografia. Molte ragazze sono preoccupate per la domanda, in quale giorno del ciclo fare una mammografia? Se questo non è stato detto dal medico curante, è necessario familiarizzare con queste informazioni in modo più dettagliato.

Indicazioni per la mammografia

Questo metodo diagnostico è assegnato principalmente alle donne di età superiore a 40 anni - è necessario sottoporsi a questa procedura ogni anno. Tutte le organizzazioni commerciali e di bilancio dovrebbero inviare i propri dipendenti a tali esami, ciò per escludere la presenza di tumori al seno.

Ci sono le seguenti indicazioni per l'esame:

  • disturbi del dolore al petto;
  • rimodellamento del capezzolo;
  • scarico dai capezzoli;
  • gonfiore del seno.

Indicazioni per la condotta saranno anche la prevenzione di quei pazienti che sono a rischio. Queste includono donne di 40 anni e più che hanno fibroadenoma, mastopatia, infiammazione degli organi genitali, infertilità, malattie della tiroide, obesità. Ulteriori informazioni su questo dal video:

Come funziona la mammografia

L'ecografia standard delle ghiandole mammarie differisce dalla mammografia in quanto colpisce le radiografie del torace, mentre la ghiandola mammaria è fissata con piastre speciali. Dopo aver selezionato il periodo desiderato, la donna va alla procedura, che consiste dei seguenti passaggi:

  1. Andando in ufficio, il radiologo chiederà al paziente di rimuovere tutte le cose fino alla vita. È inoltre necessario rimuovere tutti i gioielli, oggetti metallici situati dalla cintura e sopra. Se i capelli del paziente sono troppo lunghi, verrà chiesto loro di salire al piano di sopra.
  2. Il paziente si avvicina al dispositivo e diventa come le dice il medico. Il petto di una donna è stretto tra due piastre, viene scattata una foto.
  3. Dopo ciò, il torace viene rilasciato e il paziente può vestirsi. La durata è di 10-15 minuti, qualche minuto in più è dedicato alla conclusione di un dottore.

Alcune donne non vogliono essere esaminate a causa del suo possibile dolore. Il seno viene premuto abbastanza forte dalle placche, il che provoca disagio nella donna. Non dovresti andare in panico in anticipo, la percezione della procedura dipenderà da come il paziente stesso si sintonizza sulla sua condotta.

In quale giorno del mese fare mammografia

Rimane la domanda su quale giorno del ciclo è meglio effettuare il sondaggio. Il ginecologo o lo specialista della mammella che frequentano dovrebbe parlare di tali dettagli, ma i medici spesso dimenticano di dire al paziente le date raccomandate.

Posso fare una mammografia prima delle mestruazioni?

Si ritiene che la salute e le condizioni delle ghiandole mammarie dipendano dalla quantità di ormoni nel corpo del paziente. Ad una certa fase del ciclo, il livello degli ormoni aumenta o diminuisce, il che aiuta a identificare i fuochi dei tumori. Da ciò ne consegue che condurre uno studio alla vigilia delle mestruazioni è indesiderabile per tali ragioni:

  • il liquido si accumula nei lobuli della ghiandola mammaria prima delle mestruazioni - questo si verifica a causa di un aumento della quantità di progesterone ormonale;
  • appare gonfiore al seno;
  • può verificarsi dolore al petto;
  • la ghiandola mammaria può aumentare di dimensioni.

Effettuare la diagnostica prima delle mestruazioni sarà poco informativa, quindi è meglio rifiutare l'esame, dopo aver atteso una determinata fase del ciclo.

È possibile fare la mammografia durante le mestruazioni

La domanda più comune per un mammologo o ginecologo prima dell'esame è: puoi fare una mammografia durante il tuo periodo? Di fronte alla necessità di una procedura, le donne procedono dalle sfumature dell'esecuzione di altri esami relativi al sistema riproduttivo. Spesso, parte della ricerca e dell'analisi vengono nominate durante il periodo di sanguinamento, quindi c'è confusione.

Un altro motivo per cui i medici non raccomandano una mammografia durante i primi giorni del ciclo è possibile gonfiore dei tessuti. La ghiandola mammaria si gonfia, diventa densa, le possibilità di vedere il tumore sono ridotte, quindi la diagnosi diventa priva di significato.

Quando puoi fare una mammografia dopo il tuo periodo

Il momento più ottimale per la mammografia sarà da 5 a 12 giorni del ciclo mestruale. Questa cifra è considerata fluttuante, dipende da quanti giorni dura il ciclo della donna:

  1. Con la durata del ciclo mestruale di 21 giorni, la procedura deve essere eseguita il giorno 5 dall'inizio delle mestruazioni.
  2. Con una durata del ciclo di 28 giorni, una mammografia viene prescritta per 6-12 giorni.
  3. Con un ciclo mestruale lungo di 35 giorni, il che è raro, i medici raccomandano di visitare la stanza dei raggi X durante i 10-18 giorni del ciclo.

È durante questi periodi che il seno femminile è il più calmo e può mostrare la massima informazione al radiologo. Quando si auto-calcola il giorno richiesto, è importante considerare che la fase selezionata del ciclo deve precedere l'ovulazione. Durante l'ovulazione, il seno femminile cambia sotto l'influenza del progesterone.

Preparazione per la procedura

Quando viene determinato in quale giorno del ciclo andare dallo specialista del seno, si consiglia di imparare di più su come prepararsi adeguatamente alla procedura:

  • selezionare e calcolare il giorno corretto per l'esame;
  • portare con sé tutte le mammografie disponibili disponibili con la conclusione, nonché le prescrizioni e le indicazioni del medico per la procedura;
  • pochi giorni prima del sondaggio, rimuovere tutte le bevande e gli alimenti contenenti caffeina dalla dieta;
  • è meglio indossare abiti separati, costituiti da un fondo e una cima;
  • Non utilizzare deodoranti e altri prodotti prima della procedura.

Non preoccuparti e preoccuparti del possibile dolore durante la procedura, soprattutto per prendere antidolorifici. Un tale approccio non farà che aumentare il panico e la procedura può essere interrotta.

conclusione

Rispondendo alla domanda su quale giorno del ciclo fare una mammografia, si dovrebbe notare che il periodo ottimale sarà tra 5 e 12 giorni. Nei giorni restanti, i seni saranno leggermente modificati sotto l'influenza degli ormoni, quindi la procedura sarà poco informativa.