adenomiosi

Assorbente interno

Probabilmente tutti sanno già che il papillomavirus umano (HPV) è pericoloso e astuto. Provoca molte malattie: dalle verruche banali al cancro della cervice, laringe, retto e pene.

Perché non posso rimanere incinta?

È con questa frase che più spesso inizia il nostro dialogo con il paziente, che mi ha rivolto il problema della gravidanza.

interessante

Consultazioni via e-mail

Nella lettera, è necessario indicare la propria età, i reclami, se possibile fornire una descrizione completa degli ultrasuoni, dei risultati dei test, ecc.

Sto pianificando una gravidanza

Ci sono un gran numero di raccomandazioni per pianificare la gravidanza

"Hai adenomiosi nell'utero" - questa conclusione è spesso ascoltata dalle donne (specialmente dopo i 27-30 anni) durante un'ecografia o dopo un esame su una sedia. Molto raramente, i pazienti vengono spiegati dettagliatamente in cosa consiste questa malattia.

L'adenomiosi è talvolta chiamata "endometriosi interna", che identifica questa malattia con un tipo di endometriosi. La maggior parte dei ricercatori ritiene che anche se queste malattie sono simili, sono ancora due diverse condizioni patologiche.

Cos'è l'adenomiosi?

Lascia che ti ricordi, l'utero è rivestito da una membrana mucosa, che si chiama endometrio. L'endometrio cresce durante il ciclo mestruale, preparandosi a ricevere un uovo fecondato. Se la gravidanza non si verifica - lo strato superficiale (viene anche chiamato "funzionale") viene rifiutato, che è accompagnato da sanguinamento (questo processo è chiamato mestruazione). Uno strato di germi endometriale rimane nell'utero, dal quale nel ciclo mestruale successivo l'endometrio ricomincia a crescere.

L'endometrio è separato dallo strato muscolare dell'utero da uno speciale strato sottile di tessuto che separa questi strati. Normalmente, l'endometrio può crescere solo nella direzione della cavità uterina, semplicemente ispessendosi durante il ciclo mestruale. Nell'adenomiosi, si verifica quanto segue: in diversi punti, l'endometrio cresce separando il tessuto (tra l'endometrio e il muscolo) e inizia a invadere la parete muscolare dell'utero.

È importante! L'endometrio cresce nel muro dell'utero, non dappertutto, ma solo in alcuni punti. Per chiarezza, darò un esempio. Hai piantato piantine in una scatola di cartone, e se non l'hai trapiantata a terra per molto tempo, le singole radici germoglieranno attraverso la scatola. È così che l'endometrio cresce sotto forma di "radici" separate che penetrano nella parete muscolare dell'utero.

In risposta alla comparsa di tessuto endometriale nel muscolo uterino, inizia a rispondere all'invasione. Questo si manifesta con l'ispessimento reattivo di singoli fasci di tessuto muscolare attorno all'endometrio invasivo. Muscolo mentre cerca di limitare l'ulteriore diffusione di questo processo di crescita.
Quando il muscolo aumenta di dimensioni, l'utero, rispettivamente, con adenomiosi inizia ad aumentare di dimensioni, acquisisce una forma sferica.

Quali forme di adenomiosi ci sono?

In alcuni casi, il tessuto endometriale impiantato forma i fuochi del suo accumulo nello spessore del muscolo, quindi si dice che sia "adenomiosi - una forma focale". Se c'è semplicemente l'introduzione dell'endometrio nella parete uterina senza la formazione di focolai, essi parlano della "forma diffusa" dell'adenomiosi. A volte c'è una combinazione di forme diffuse e nodulari di adenomiosi.

Accade che l'endometrio, incorporato nel muro dell'utero, forma nodi molto simili ai fibromi uterini. Se i fibromi uterini, di norma, sono rappresentati da componenti muscolari e del tessuto connettivo, allora la componente ghiandolare e il tessuto connettivo predominano nei nodi dell'adenomiosi. Questa forma di adenomiosi è chiamata "nodulare".

Adenomiosi e mioma uterino

Può essere molto difficile con gli ultrasuoni distinguere il nodo dei fibromi uterini dalla forma nodulare di adenomiosi. Inoltre, si ritiene che il tessuto endometriale possa essere incorporato in nodi miomatoidi preesistenti. Abbastanza spesso si può osservare una combinazione di adenomiosi e fibromi uterini, ad esempio, sullo sfondo di adenomiosi diffusa, ci sono fibromi uterini.

Come risultato della diagnosi, è molto importante fare una diagnosi corretta e definire chiaramente ciò che è presente nell'utero - mioma uterino o adenomiosi - la forma nodulare. Il trattamento dei fibromi uterini e l'adenomiosi è in realtà lo stesso, ma l'efficacia è diversa e ciò influenzerà la prognosi del trattamento.

Che cosa causa l'adenomiosi?

La causa esatta della formazione di adenomiosi non è ancora nota. Si presume che tutti i fattori che violano la barriera tra l'endometrio e lo strato muscolare dell'utero, possano portare allo sviluppo di adenomiosi.

  • Raschiatura e aborto
  • Taglio cesareo
  • Rimozione dei fibromi uterini (specialmente con l'apertura dell'utero)
  • nascita
  • Infiammazione dell'utero (endometrite)
  • Altre operazioni sull'utero

Allo stesso tempo, ma molto raramente, l'adenomiosi si riscontra nelle donne che non hanno mai tollerato gli interventi e le malattie sopra descritte, così come nelle giovani ragazze adolescenti che hanno appena iniziato periodi mestruali.

In questi rari casi ci sono due ragioni.

La prima ragione è associata alla presenza di anomalie durante lo sviluppo intrauterino della ragazza, e l'endometrio senza fattori esterni viene introdotto nella parete uterina.

La seconda ragione è legata al fatto che le ragazze giovani difficilmente possono aprire il canale cervicale durante le mestruazioni. Le contrazioni muscolari dell'utero durante le mestruazioni in presenza di spasmo cervicale creano una pressione molto elevata all'interno dell'utero, che può avere un effetto traumatico sull'endometrio, cioè la barriera che separa l'endometrio e lo strato muscolare dell'utero. Di conseguenza, può verificarsi l'inserimento endometriale nella parete uterina.

Inoltre, è questo meccanismo che può svolgere un ruolo nello sviluppo dell'endometriosi, poiché quando la scarica mestruale dall'utero è difficile sotto alta pressione, queste secrezioni entrano nella cavità addominale attraverso grandi tubi nella cavità addominale dove avviene l'impianto di frammenti endometriali.

Come si manifesta l'adenomiosi?

In più della metà delle donne, l'adenomiosi è asintomatica. I sintomi più caratteristici dell'adenomiosi comprendono le mestruazioni dolorose e pesanti, spesso con coaguli, con un lungo periodo di macchie brunastre, dolore durante la vita sessuale e talvolta sanguinamento intermestruale. Il dolore nell'adenomiosi è spesso abbastanza forte, spastico, tagliente, a volte può essere "pugnale". Tali dolori sono gravemente rimossi prendendo antidolorifici convenzionali. L'intensità del dolore durante le mestruazioni può aumentare con l'età.

Diagnosi di adenomiosi

Molto spesso, la diagnosi di "adenomiosi" viene effettuata durante la visita di un ginecologo durante un'ecografia. Il medico vede l'utero ingrandito, la struttura eterogenea del miometrio (scrivono anche "ecogenicità eterogenea") l'assenza di un chiaro confine tra l'endometrio e il miometrio, "dentatura" nella regione di questo confine, la presenza di lesioni nel miometrio.

Il medico può descrivere un ispessimento acuto di una delle pareti dell'utero rispetto all'altro. Queste sono le descrizioni ecografiche più frequenti di adenomiosi, che puoi leggere nel tuo rapporto. Durante l'esame sulla sedia, il medico può dire che l'utero è ingrandito, una parola molto importante "l'utero è rotondo".

La diagnosi di "adenomiosi" viene spesso eseguita durante l'isteroscopia. Durante questa procedura, si vedono le cosiddette "mosse": si tratta di punti rossi nell'endometrio che corrispondono esattamente ai punti in cui l'endometrio è stato introdotto nella parete uterina.

Meno comunemente, la risonanza magnetica viene utilizzata per confermare la diagnosi. Questo metodo è più indicato nei casi in cui l'uso degli ultrasuoni non può distinguere in modo affidabile tra la forma nodulare di adenomiosi e il mioma uterino. Questo è importante quando si pianificano le tattiche di trattamento.

È importante! Poiché più della metà di adenomiosi è asintomatica e la maggior parte delle donne vive la propria vita senza sapere di avere adenomiosi (adenomiosi, come fibromi uterini e regressione dell'endometriosi dopo la menopausa), non si dovrebbe immediatamente preoccuparsi se esame si mette questa diagnosi.

Questa è una situazione abbastanza comune - si arriva per un esame di routine o con lamentele di perdite vaginali - si sta effettuando anche un'ecografia e viene diagnosticata una adenomiosi, nonostante il fatto che non si abbiano sintomi caratteristici di questa malattia. Il medico è obbligato a descrivere i cambiamenti che ha visto, ma questo non significa che sia necessario iniziare urgentemente il trattamento.

L'adenomiosi è una "condizione" molto comune dell'utero, che può non manifestarsi nel corso della vita e regredire in modo indipendente dopo la menopausa. Non puoi mai affrontare i sintomi di questa malattia.

L'adenomiosi nella maggior parte dei casi è caratterizzata da un decorso asintomatico stabile, senza la progressione della malattia, a meno che non vengano creati ulteriori fattori per questo sotto forma di aborto e raschiamento.

Nella maggior parte delle donne, l'adenomiosi esiste come "background" e non richiede un trattamento serio, ma solo misure preventive, che descriverò di seguito.

L'adenomiosi come problema grave è meno comune, di regola, in questa situazione, si manifesta immediatamente come sintomi e ha un decorso progressivo. Tale adenomiosi richiede un trattamento.

Trattamento di adenomiosi

L'adenomiosi è impossibile da curare completamente, a meno che non si tenga conto della rimozione dell'utero. Questa malattia regredisce dopo la menopausa. Fino a questo punto, possiamo ottenere una piccola regressione di adenomiosi e prevenire un ulteriore sviluppo della malattia.

Per il trattamento dell'adenomiosi, vengono utilizzati gli stessi approcci usati per il trattamento dei fibromi uterini.

Poiché l'adenomiosi regredisce dopo la menopausa, vengono utilizzati i preparati agonisti del GnRH (deposito di buserelina, zoladex, lucrin, ecc.). Questi farmaci creano uno stato reversibile della menopausa, che porta alla regressione dell'adenomiosi e all'eliminazione dei sintomi della malattia. È importante ricordare che dopo la fine del trattamento e il ripristino della funzione mestruale, l'adenomiosi si ripresenta rapidamente nella stragrande maggioranza dei casi, pertanto, dopo il corso principale della terapia, è necessario passare ai contraccettivi ormonali o installare la spirale di Mirena.

Ciò stabilizzerà i risultati raggiunti dal corso principale del trattamento.

L'embolizzazione dell'arteria uterina ha un effetto ambiguo sull'adenomiosi. Ci sono pubblicazioni in cui la presenza di adenomiosi è anche chiamata la causa dell'inefficacia dell'EMA, condotta per trattare i fibromi uterini. Ma ci sono pubblicazioni che descrivono l'elevata efficacia dell'EMA contro l'adenomiosi. Abbiamo fatto l'EMA in presenza di adenomiosi e abbiamo avuto buoni risultati. Ho notato che se il tessuto dell'adenomiosi è ben fornito di sangue, allora l'EMA era efficace e se il flusso di sangue nella zona dell'adenomiosi era scarso, non c'era alcun effetto.

I metodi chirurgici includono la rimozione del tessuto adenomiotico con conservazione dell'utero e una soluzione radicale al problema: l'amputazione uterina. Vale la pena ricorrere a metodi chirurgici di trattamento solo nei casi estremi in cui nulla aiuta di più.

Bene elimina i sintomi di adenomiosi spirale intrauterina "Mirena". È impostato per 5 anni. Contro questa spirale, le mestruazioni diventano scarse o scompaiono completamente e il dolore può scomparire.

I contraccettivi ormonali sono in grado di prevenire l'adenomiosi e di arrestarne la progressione nelle prime fasi della malattia. Per ottenere il più grande effetto dei contraccettivi, è meglio prendere uno schema prolungato - 63 + 7 - cioè tre pacchetti di fila senza interruzioni e solo dopo questa pausa di 7 giorni, poi ancora 63 giorni di assunzione del farmaco.

Adenomiosi e infertilità

Secondo gli autori occidentali, non esiste un legame provato tra adenomiosi e infertilità, cioè, si presume che l'adenomiosi da sola non influenzi la capacità di rimanere incinta. Tuttavia, l'adenomiosi è spesso associata ad altre condizioni patologiche, come l'endometriosi o il mioma uterino, che possono influire sulla fertilità di una donna.

  • L'adenomiosi è una malattia abbastanza comune, la cui frequenza raggiunge il 60-70%
  • Nell'adenomiosi, l'endometrio è incorporato nella parete muscolare dell'utero, portando ad un ispessimento reattivo delle fibre muscolari attorno al tessuto invasivo. Allo stesso tempo c'è un aumento delle dimensioni dell'utero.
  • Molto spesso, l'adenomiosi viene diagnosticata nelle donne dopo 30 anni
  • Si presume che varie manipolazioni mediche con l'utero - curettage, aborto, taglio cesareo, parto, chirurgia dell'utero, processo infiammatorio conducano allo sviluppo di adenomiosi.
  • Più della metà delle donne ha adenomiosi asintomatica.
  • I sintomi più comuni di adenomiosi sono le mestruazioni abbondanti, dolorose e prolungate con coaguli e dolore durante l'attività sessuale.
  • L'adenomiosi è spesso diagnosticata con ecografia e isteroscopia.
  • L'adenomiosi è spesso combinata con il mioma uterino, con la forma nodulare di adenomiosi è difficile distinguerla dal nodo del mioma
  • Il trattamento dell'adenomiosi si riduce alla creazione della menopausa reversibile, seguita da una fase di stabilizzazione sotto forma di pillole contraccettive ormonali o dall'installazione di un sistema ormonale intrauterino Mirena
  • L'embolizzazione dell'arteria uterina in alcuni casi è un metodo efficace per il trattamento dell'adenomiosi
  • L'adenomiosi molto probabilmente non causa l'infertilità da sola.

Endometrio sottile in adenomiosi

Post consigliati

Nastro attività

24 settimane di gravidanza

Gota ha commentato la domanda di Viktoriya70 in Domande

bisogno di consigli, soprattutto dalle donne con gusto!))

La malvagia sorella Aibolita ha commentato la domanda di Chistyakova in Domande

Scuola e un bambino malato

Milums ha commentato le domande di Myrlika-mama in Domande

Chi aveva il nordman di gomma?

Ulyona ha commentato la domanda di oksi82 in Domande

La temperatura dopo l'inoculazione del PDA è normale?

Olianka @ ha commentato una domanda da parte dell'utente ludmilka.s in Domande

Il tuo ultimo acquisto

// kukla777 // ha commentato la domanda di Ryboly in Domande

Stimolazione dell'ovulazione

Violoncello ha risposto all'argomento di Irina su Ovulazione e su tutto ciò

FIV in Syktyvkar

KATyushe4ka ha commentato la domanda di Alena 1987 in Domande

Beauty Spring - Summer 2019: cosa indossare e cosa no?

Zhuzha_white_masti ha commentato la domanda di Arbuzka in Domande

Registrazione temporanea, urgente bisogno di aiuto.

lela new ha commentato una domanda da @ KSU @ in Domande

Voglio davvero adottare una ragazza. La madre sta morendo

Ириночка // ha commentato una domanda da utente Zabor in Domande

Dopo il trasferimento - modalità, benessere, dimissione, ecc.

likalisa ha risposto all'argomento di Аленка_Пелёнка // in Le tecnologie riproduttive: AI, ECO, IKSI

Le strisce di marzo porteranno coloro che stanno aspettando molto!

// Alenka88 // ha risposto a un argomento in Red-haired user) in Informazioni sui grafici

Basta condividere

Runa55 ha commentato una domanda di Levena in Domande

Sindrome da esaurimento ovarico. FIV con SIA

La Sigrilin incinta ha risposto all'argomento di Аленка_Pалёнка // alle tecnologie riproduttive: AI, IVF, ICSI

Adenomiosi uterina o iperplasia endometriale

Dopo aver sentito un'ecografia che l'adenomiosi dell'utero è stata rilevata, la donna è inizialmente spaventata e si chiede cosa significhi. I medici non sono sempre inclini a spiegare diagnosi e prognosi ai pazienti. Pertanto, è stato deciso di preparare un materiale di revisione. Racconta di cos'è l'adenomiosi uterina, in un linguaggio accessibile.

L'adenomiosi dell'utero o iperplasia dell'endometrio è una malattia che si sviluppa sullo sfondo di disturbi endocrini ormonali. Si riferisce a processi tumorali con un decorso benigno (lentamente progressivo). Differisce dall'endometriosi totale dal fatto che fondamentalmente si verifica l'ispessimento dello strato interno della mucosa. Raramente va oltre il corpo del corpo. Può penetrare negli strati muscolari, imitando i nodi miomatosi.
CONTENUTO DEL MATERIALE:

Per iniziare a considerare la questione di quale sia l'adenomiosi uterina, dovrebbe essere una piccola escursione nell'anatomia di questo organo. Consiste di diversi livelli, ognuno dei quali esegue la funzione assegnata ad esso. Per l'elasticità e la capacità di allungare lo strato muscolare è responsabile. E per preparare il posto per la placenta, la nutrizione dell'organo - lo strato mucoso o l'endometrio. Nello stato normale, questi due strati sono rigorosamente differenziati (ognuno è costituito da un proprio tipo di celle) e non penetrano l'uno nell'altro. Quando si verifica un disturbo ormonale, la differenziazione cellulare fallisce e lo strato endometriale inizia a crescere attivamente. Può svilupparsi nella cavità uterina e nella direzione dello strato muscolare. Questo determina la forma di adenomiosi.

Informazioni sui sintomi, le cause e i metodi di trattamento di questa malattia ginecologica possono essere trovati nel materiale proposto.

Offriamo di vedere quale adenomiosi uterina è nella foto, dove sono illustrati i principali principi dello sviluppo di questa patologia:

Il ciclo mestruale e il suo effetto sulla trasformazione dell'endometrio nell'utero

In termini semplici...

Parlando in un linguaggio accessibile su questa grave patologia, dovresti prima spiegare alcuni termini medici complessi.

  1. Per cominciare, in greco, la parola adenomiosi significa cambiamenti strutturali nei tessuti dei muscoli e delle ghiandole.
  2. L'estensione dell'adenomiosi uterina può essere interna, intramurale (dall'area delle tube di Falloppio) o cervicale (nell'area della cervice).
  3. L'adenomiosi extragenitale è molto rara - questa patologia non si estende oltre la cavità pelvica.
  4. Viene spesso diagnosticata casualmente durante un esame ecografico o RMN, poiché non dà segni clinici pronunciati per molto tempo e non infastidisce una donna in alcun modo.
  5. Si verifica in circa il 30% delle donne che sono in età fertile dopo 30 anni.
  6. L'eterotropia sotto forma di lesioni del tessuto ghiandolare è intrinseca nella maggioranza assoluta dei casi di endometriosi diagnosticata - questo significa che la localizzazione interna è diagnosticata in circa il 75% dei casi dal numero totale di diagnosi accertate di endometriosi.
  7. Le eterotopie endometrioidi sono cellule dello strato ghiandolare mucoso del rivestimento interno dell'utero con una tendenza a crescere, ma con tutte le loro funzioni fisiologiche preservate.
  8. La gravidanza o l'inizio della menopausa nel periodo menopausale porta al completo sviluppo inverso del processo tumorale. Ciò è dovuto al fatto che l'adenomiosi è solo un tumore ormonale. Riducendo la quantità di ormoni sessuali femminili nel sangue circolante si ottiene un completo recupero della donna.

Quando si sceglie un metodo di trattamento dovrebbe tener conto dell'elevata propensione della malattia a ricadute ripetute. Pertanto, la chirurgia per rimuovere le escrescenze è un metodo terapeutico obsoleto ed estremamente inefficace. Secondo le statistiche mediche, il 75% delle donne sottoposte a intervento chirurgico per rimuovere la proliferazione del tessuto endometriotico, nella prospettiva dei prossimi 5 anni, sono stati diagnosticati casi di endometriosi ricorrente.

La tattica ottimale è rappresentata dalle visite regolari del ginecologo, che conducono esami speciali in conformità con gli orari e le raccomandazioni dei piani di dispensario. Quando si identificano i segni primari su ultrasuoni o risonanza magnetica deve iniziare immediatamente la terapia farmacologica conservativa. In alcuni casi, alcune erbe aiutano a rallentare la progressione della malattia, ad esempio l'utero della foresta.

Quali cause possono causare?

Su quali ragioni può causare una patologia così grave, i ginecologi e gli endocrinologi stanno ancora discutendo. E questo non è sorprendente, dal momento che i segni primari della proliferazione del tessuto ghiandolare dell'endometrio possono essere trovati negli adolescenti durante il periodo del ciclo mestruale. Pertanto, per dire che le cause di adenomiosi dell'utero si trovano in violazione dell'igiene personale, l'aborto o in sovrappeso, almeno, non molto con competenza.

Proponiamo di considerare le ipotesi esistenti, senza dimenticare che queste sono solo ipotesi. È troppo presto per trarre conclusioni. Tutti gli scenari eziopatogenetici sono considerati dal punto di vista di una situazione ideale quando non ci sono altri fattori di influenza negativa. Bene, la verità, come si suol dire, è da qualche parte nelle vicinanze.

Gli endocrinologi sostengono che l'innesco primario per la crescita patologica del tessuto ghiandolare è un malfunzionamento dell'ipotalamo, che trasmette il segnale sbagliato alla ghiandola pituitaria. E da lì, la squadra vola nei tessuti follicolari ovarici per rafforzare il rilascio di ormoni speciali che stimolano la crescita del tessuto ghiandolare dell'endometrio.

Questa ipotesi è ripresa dai neurofisiologi che affermano che il principale segnale di malfunzionamento nell'ipotalamo viene inviato dal plesso solare con l'aiuto dei nervi vago. E tutto ciò accade a causa dell'insoddisfazione interna con se stessi, la propria apparenza, i rapporti con il mondo esterno, gli uomini, ecc. così, si sviluppa una teoria completamente psicogenica dello sviluppo dell'adenomiosi uterina. Spiega pienamente perché questo processo patogenico può iniziare nell'adolescenza. Dopotutto, è durante l'adolescenza che una futura donna pone una massa di complessi negativi in ​​relazione a se stessa.

E infine, la parola è stata presa da genetica e immunologi, che hanno dichiarato con sicurezza che l'ereditarietà gioca il ruolo più diretto, e la crescita patogena dei tessuti è una conseguenza della violazione dei sistemi protettivi del corpo.

Quale dei precedenti è vero, e ciò che deve essere ritestato non è chiaro. Ma vale la pena escludere, per quanto possibile, i seguenti fattori di rischio per l'adenomiosi uterina:

  • violazione dell'igiene personale;
  • esercizio pesante durante le mestruazioni;
  • infiammatorie e aderenze nella cavità pelvica;
  • candidosi e altri tipi di infezioni da microflora opportunistiche;
  • danno alla riproduzione;
  • violazione del processo di pubertà nell'adolescenza;
  • uso di contraccettivi intrauterini;
  • situazioni stressanti frequenti.

Con una storia ginecologica, dovresti visitare regolarmente un dottore. Se in passato ci sono state interruzioni artificiali della gravidanza, parto difficile o taglio cesareo, allora all'età di 30 anni, l'ecografia pelvica dovrebbe essere fatta almeno 1 volta all'anno.

Esiste un certo rischio di iperplasia endometriale nelle donne in sovrappeso. Ciò è dovuto alla capacità del tessuto adiposo di produrre estrogeni femminili. Questi ormoni stimolano la crescita dell'endometrio.

Dovresti essere più attento alla tua salute femminile, se c'è un'allergia, frequenti raffreddori, distonia vascolare, patologia della colonna vertebrale, cistite cronica.

Sintomi di adenomiosi dell'utero: dolore e scarico durante le mestruazioni, la dimensione del corpo

I sintomi di adenomiosi dell'utero cominciano a comparire solo nei casi avanzati della malattia. Nelle fasi iniziali, la patologia si sviluppa e procede senza manifestazioni esterne. Grave dolore nell'adenomiosi dell'utero, come nel caso del mioma, può manifestarsi solo nel quadro della sindrome PMS. Per il resto del tempo, i pazienti sentono il completo benessere. I sintomi mensili in caso di adenomiosi dell'utero diventano un segno caratteristico - richiedono molto tempo, con abbondante sanguinamento, spasmi dolorosi e debolezza generale causata da anemia sideropenica. L'iperpolimenorrea porta a un deterioramento delle condizioni generali della donna. Spesso ci sono sanguinamento uterino, travestito da mestruazioni., Che dura più di 7 giorni consecutivi. Algodismenorrea caratteristica (mestruazioni dolorose), che si verificano con la sindrome spastica, disturbi funzionali della vescica e dell'intestino crasso.

L'insorgenza sanguinolenta dell'adenomiosi dell'utero inizia 2-3 giorni prima dell'inizio di una completa mestruazione. Questa è una funzione diagnostica molto importante. È presente nell'80% dei pazienti.

Dovrebbe essere chiaro che la dimensione dell'utero nell'adenomiosi dipende direttamente dal grado di penetrazione del tessuto endometriotico in profondità nello strato muscolare. Lo stadio successivo, più forte è il contorno dell'organo.

Altri segni caratteristici di adenomiosi uterina includono:

  • disagio emotivo, espresso in nervosismo, pianto, irritabilità;
  • una sensazione di pressione sulla vescica e una sensazione di svuotamento incompleto dopo la minzione;
  • frequenti dolori addominali inferiori all'osso sacro, bassa schiena e inguine;
  • dolore fastidioso alle gambe;
  • infiammazione frequente della vescica;
  • incontinenza urinaria e iperattività della vescica;
  • aborto spontaneo durante la gravidanza;
  • infertilità secondaria

Molto spesso i sintomi sono completamente assenti o mascherati da altre malattie somatiche (osteocondrosi, annessite, colite, cistite, ecc.).

Adenomiosi e endometrio sottile

Domande correlate e raccomandate

1 risposta

Cerca nel sito

Cosa succede se ho una domanda simile, ma diversa?

Se non hai trovato le informazioni necessarie tra le risposte a questa domanda, o il tuo problema è leggermente diverso da quello presentato, prova a chiedere al dottore un'ulteriore domanda in questa pagina se è sulla domanda principale. Puoi anche fare una nuova domanda e dopo un po 'i nostri medici risponderanno. È gratis Puoi anche cercare le informazioni necessarie in domande simili su questa pagina o attraverso la pagina di ricerca del sito. Saremo molto grati se ci raccomanderai ai tuoi amici sui social network.

Medportal 03online.com svolge consultazioni mediche nelle modalità di corrispondenza con i medici sul sito. Qui ottieni le risposte dei veri praticanti nel tuo campo. Attualmente, il sito può ricevere la consultazione su 45 aree: allergologo, Venerologia, gastroenterologia, ematologia e genetica, ginecologo, omeopata, ginecologo dermatologo per bambini, neurologo infantile, chirurgia pediatrica, endocrinologo pediatrico, nutrizionista, immunologia, malattie infettive, cardiologia, cosmetologia, logopedista, Laura, mammologa, avvocato medico, narcologo, neuropatologo, neurochirurgo, nefrologo, oncologo, oncologo, chirurgo ortopedico, oftalmologo, pediatra, chirurgo plastico, proctologo, Psichiatra, psicologo, pneumologo, reumatologo, sessuologo-andrologo, dentista, urologo, farmacista, phytotherapeutist, flebologo, chirurgo, endocrinologo.

Rispondiamo al 95,62% delle domande.

Re: adenomiosi, endometrite cronica

Re: Endometrite di nuovo

Messaggio dal medico11 13 gennaio 2008, 00:04

Re: Endometrite di nuovo

Messaggio vasiliska Jan 13 2008, 04:16

Re: Endometrite di nuovo

Post pubblicato il 16 gennaio 2008, 00:10

Cara, Tatyana Borisovna, aiuto, per favore capisci.

Il risultato è stato l'isteroscopia: un alto livello di espressione dei recettori estrogenici e del progesterone nelle ghiandole e nello stroma dell'endometrio indica una deficienza della fase luteinica del ciclo mestruale.La presenza di un numero maggiore di cellule NK che esprimono CD56 e CD16, un marker di attivazione per l'infiammazione dell'HLA-DR e un marker per il CD-linfocita B CD20 sulla presenza di endometrite cronica con attività moderata.

Storia: 2001 - ectopica (un tubo rimosso), 2 tentativi di FIV + 1 CRIO (-).

Ora vengono nominate le candele GENFERON e GALAVIT. Laparoscopia pianificata, circa la restante provetta.

Cara, Tatiana Borisovna, per favore dimmi se puoi sperare in una FIV positiva, posso portare un bambino con questa diagnosi? Sono sulla buona strada ora? Grazie in anticipo, grazie.

Re: Endometrite di nuovo

Post doctor11 16 gennaio 2008, 17:01

1. Il risultato dell'isteroscopia non è l'istologia classica. Insieme a questo risultato, avresti dovuto ricevere una risposta istologica al raschiamento. O raschiare no. 2. Se esiste una clinica di endometrite cronica, è auspicabile un ciclo di fisioterapia.

3. E cosa, secondo il GHA, se è prevista la laparoscopia.

4. Qual è la dinamica dell'endometrio in diversi giorni del ciclo? C'è un'ovulazione?

Re: Endometrite di nuovo

Postato Pubblicato 6 gen 2008, 23:25

Cara Tatyana Borisovna, grazie mille per aver risposto al mio messaggio! Piuttosto, sto scrivendo le risposte alle tue domande:

-Risposta istologica: endometrio dello stadio iniziale della fase di secrezione, nell'infiltrazione mononucleare stroma moderata

-Dati GHA: la posizione, la forma e le dimensioni dell'utero sono normali, la struttura è omogenea, i contorni sono uniformi; le tube di Falloppio non sono percorribili: a sinistra viene amputata, a destra è riempita con 0,6 cm di parte uterina, il materiale di contrasto non entra nella cavità addominale.

-l'endometrio era sempre normale

-anche l'ovulazione è normale, come hanno detto in clinica

Molte grazie ancora.

Re: Endometrite di nuovo

Post doctor11 18 gennaio 2008, 19:07

Re: Endometrite di nuovo

Post Зямка 19 gennaio 2008, 17:55

Re: Endometrite di nuovo

Messaggio 25 AGOSTO 2008, 15:23

Cara Tatyana Borisovna.

A ottobre, ho dato alla luce un bambino dopo la 3 ° FIV. Ha realizzato 3 protocolli lunghi con una pausa minima.

E ora ho l'adenomiosi.

Da dove viene?


Non sono stato esaminato per adenomiosi prima della fecondazione in vitro. Quindi forse è sempre esistito con me?

O è impossibile? In modo che il medico IVF non lo trova?


Cioè, sono interessato a una domanda del genere: "Potrebbe essere sempre con me? O, molto probabilmente, che è apparso come risultato di prendere farmaci durante i protocolli IVF?".


Questa domanda mi preoccupa molto perché tornerò di nuovo all'IVF per il secondo bambino.

E, dato che l'età si sta esaurendo (ho 40 anni), voglio capire quali sono le mie probabilità rispetto ai protocolli precedenti (cioè, questa adenomiosi è ancora nuova o appena inosservata vecchia)?


Sarei molto grato per la risposta.

Re: Endometrite di nuovo

Messaggio dal medico11 gen 25, 2008, 18:41

Re: Endometrite di nuovo

Messaggio 26 AG 2008, 23:25

Malanova Tatiana Borisovn ha scritto (a) Ven, 25 gennaio 2008 18:41
È improbabile che 4 mesi dopo il parto si trovi qualcosa del genere. E quali sono le lamentele. Qual è la descrizione degli ultrasuoni.

Sì, non c'è nulla di dettagliato nella descrizione. Solo l'adenomiosi - questo è tutto.

Il medico mi ha guardato esattamente 2 mesi dopo il parto (hanno fatto il parto cesareo).Quando il dottore ha guardato, poi le ho chiesto di mostrarmi sull'ecografia (beh, così capisco cosa è cosa).

Bene, lei fece schioccare il suo dito in modo così vago. Ha detto che adenomiosi al 100% e fibromi. E il mioma non è dove è stato trovato durante la gravidanza, ma in un posto completamente diverso. E lei ha una taglia diversa.


Bene, io, ovviamente, un po 'ho dubitato della correttezza della diagnosi.

Ma poi ho letto dei sintomi di adenomiosi.

Ho questo intero bouquet: periodi dolorosi (sempre lo sono) e lo screpolature marroni nel mezzo del ciclo (apparso dopo il parto).

Quindi sospetto che il dottore abbia ragione.

Sfortunatamente, non posso essere esaminato più a fondo ora - tutto il tempo è dedicato a un bambino.


All'inizio ero sicuro di avere sempre avuto adenomiosi. Appena manifestato non così chiaramente.

Ma poi ha letto in un'altra sezione di questo forum che alcune donne affermano di aver sviluppato solo adenomiosi dopo fecondazione in vitro.


Ecco perché ti ho fatto la mia domanda.

È possibile?

Re: Endometrite di nuovo

Post doctor11 gen 27, 2008, 2:11 pm

Re: Endometrite di nuovo

Post Зямка 29 gennaio 2008, 00:30

Cara Tatyana Borisovna.

Ho una diagnosi di endometrite cronica, e a febbraio vado a laparascopia, circa una pipa (la seconda è stata rimossa). In tutti i protocolli, c'erano forti dolori nel tubo e "afferrato" l'utero.Ipisodio idrosalico non era visibile agli ultrasuoni.

Domanda: Dopo la rimozione della provetta, l'endometrite non può essere confermata, può questa provetta dare infiammazione?

Re: Endometrite di nuovo

Messaggio del medico11 gen 29, 2008, 19:59

Re: Endometrite di nuovo

Post Nelia 03 Feb 2008, 14:40

Cara Tatiana Borisovna!


La settimana scorsa ci fu un test per le pipe: isterosalpingo-hydrosonography.

1. I tubi sono liberamente passabili.

2. L'utero non è deformato

3. in t. La parete posteriore del nodo dell'utero 1,6 mm.

5. Int. endometriosi (adenomiosi)

1. È possibile fare diagnosi 2 e 3 durante questa procedura?

2. C'è una possibilità di rimanere incinta con tali diagnosi (AI programmata)?

3. Come può influenzare la stimolazione in una situazione del genere?


Grazie in anticipo per la tua risposta.

Re: Endometrite di nuovo

Messaggio dal dottore11 04 febbraio 2008, 19:05

Nelya ha scritto (a) domenica, 3 febbraio 2008 14:40
Cara Tatiana Borisovna!

1. I tubi sono liberamente passabili.

2. L'utero non è deformato

3. in t. La parete posteriore del nodo dell'utero 1,6 mm.

5. Int. endometriosi (adenomiosi)

1. È possibile fare diagnosi 2 e 3 durante questa procedura?

2. C'è una possibilità di rimanere incinta con tali diagnosi (AI programmata)?

3. Come può influenzare la stimolazione in una situazione del genere?

1. Punto 2 - è stato necessario scrivere che la CAVITÀ DELL'UTILITÀ non è deformata - questo è esattamente ciò che può essere visto dalle immagini.

Paragrafo 3: secondo GHA, puoi vedere solo l'utero che deforma la cavità (sottomessa) e la cavità non è deformata. I nodi di un'altra posizione non possono essere visti da GHA.

Punto 4: dovrebbe esserci una descrizione delle ombre di gioco - lo è.

2. Esiste una adenomiosi clinica. O è solo una diagnosi per la prima volta. Se per la prima volta, lo è. I fibromi uterini non interferiscono.

3.Se esiste un nodulo miomatologico, potrebbe esserci un aumento. Ma, di solito, viene scelta la stessa terapia prendendo in considerazione sia i fibromi che l'endometriosi.

Re: Endometrite di nuovo

Post Nelja 06 Feb 2008, 12:25

Tatyana Borisovna, grazie mille per la risposta!

Sfortunatamente, posso chiarire i dati e rispondere alle domande del contatore solo dopo aver visitato il medico, perché tutti i dati nella mappa.

endometrite cronica?

Post di Lusy il 16 febbraio 2008 alle 10:08

Ciao, Tatiana Borisovna! Spero davvero il tuo aiuto

Il prossimo (4 °) tentativo è terminato in fallimento. Ho 27 anni, mio ​​marito ha 32 anni. Diagnosi di infertilità tubarica. Lo spermogramma è buono.

Non riesco a capire cosa stava succedendo e cosa altro da prendere, solo la mia testa stava già girando! Non so cosa fare!

Ogni tentativo passa attraverso uno scenario. Dopo il trasferimento di tre giorni il terzo giorno sento i segni di impianto, contrazioni ovariche, leggero gonfiore. L'immunità è in costante calo, sembra che mi stia ammalando, anche se è escluso, non esco di casa. Negli ultimi due tentativi, l'herpes è generalmente peggiorato. In alcuni giorni di trattamento, Valtrex è stato curato. così in diversi giorni di attesa ci sono sensazioni dolorose molto acute nella parte bassa della schiena e nell'addome inferiore. Abbatti no-shpy e papaverina. Ma dopo quello lo stomaco è sgonfiato, non ci sono sensazioni di sorta e di conseguenza, un basso ritmo.

Il primo tentativo è terminato senza risposte ovariche alla stimolazione. il protocollo è stato interrotto.

Tutti i protocolli successivi erano brevi, due su Puregone e uno su menopure. Si sedettero il terzo giorno, perché le celle sono sempre un po 'piccole, ma la qualità è buona. Di conseguenza, secondo i protocolli 1st-hCG-35, 2nd-18, 3rd-25. Né Ditsinon né l'aumento del supporto non aiutano, dopo pochi giorni dall'inizio delle mestruazioni, il che significa che l'impianto si verifica, ma qualcosa impedisce a B di svilupparsi? Il dottore dice che succede, devi provare, ma non ho soldi solo per provare, se c'è qualcosa di sbagliato nel corpo, il risultato è prevedibile? Dimmi quali test nel mio caso possono chiarire la situazione? Forse immunologia? Uzi doppler uterus? O un'infezione del utero? In passato è stata diagnosticata l'iperplasia dell'endometrio, ma è stata trattata con ormoni e ora, secondo le assicurazioni di vari medici, non può influire? Allora, qual è l'effetto? posso provare la fisioterapia? In quali casi può essere d'aiuto? E che tipo di procedura? Non c'è più forza per andare ai tentativi, per sperare, per sapere che gli embrioni sono attaccati e perderli

Qual è la differenza tra iperplasia dell'endometrio e adenomiosi?

Spesso le donne hanno una domanda: "L'adenomiosi endometriale e l'iperplasia sono uguali?". In realtà, queste sono 2 malattie completamente diverse. E qual è la differenza tra loro può essere trovato sotto.

Cos'è l'iperplasia endometriale?

L'iperplasia dell'endometrio è una condizione caratterizzata da un cambiamento nell'endometrio nell'utero, ma la sua struttura ghiandolare è preservata. Nonostante la proliferazione atipica delle ghiandole, lo stroma uterino è preservato.

Esistono tre forme di patologia: lieve, moderata e grave. A volte una forma grave è difficile da differenziare dall'adenocarcinoma.

Cos'è l'adenomiosi?

L'adenomiosi è una forma comune di endometriosi genitale interna. La malattia significa - adeno - la relazione con le ghiandole, mios - la presenza di infiammazione. Durante la patologia, si osserva quanto segue:

  • I processi patologici stanno progredendo in cui la struttura dell'endometrio ciclico viene modificata.
  • Di conseguenza, aumenta il numero di cellule nella regione dell'organo (proliferazione cellulare), che porta alla proliferazione della mucosa interna dell'utero e delle cellule ghiandolari dell'endometrio (iperplasia ghiandolare). Successivamente, vengono respinti.
  • A causa di alterazioni patologiche nel miometrio, tessuto rifiutato che non esce durante le mestruazioni, penetra negli organi adiacenti del sistema urogenitale, aumenta lo strato muscolare dell'utero. Allo stesso tempo le terminazioni nervose sono compresse, le emorragie si verificano nelle aree colpite. Tutto questo è la causa dell'infiammazione cronica.
  • A causa della proliferazione dei tessuti, la malattia penetra negli organi vicini, quindi la patologia è simile ai tumori maligni. Dopo alcuni anni o decenni, una malattia benigna porta all'esaurimento del corpo, che termina con la morte.

L'adenomiosi si diffonde agli organi e ai sistemi vicini, causando gravi complicazioni: il riempimento della cavità pleurica con il sangue, l'ostruzione intestinale, la trasformazione genetica delle cellule esfoliate.

Perché apparire?

L'iperplasia si verifica a causa di disturbi ormonali nel corpo di una donna. Ma ci sono diverse cause di adenomiosi. La patologia si pone in relazione alla disfunzione delle ghiandole sessuali. Ciò contribuisce alla comparsa di una crescita benigna, a seguito della quale avviene la riproduzione dell'endometrio. Il tumore è localizzato nello strato muscolare dell'utero.

Lo sviluppo della malattia si verifica anche sullo sfondo di anomalie congenite, la divulgazione incompleta della cervice durante le mestruazioni. Il miglioramento delle condizioni della donna si verifica durante il periodo della menopausa - fino alla sua comparsa, il corpo è supportato da preparazioni ormonali.

Come distinguere i sintomi di adenomiosi da segni di iperplasia dell'endometrio?

La manifestazione clinica della crescita endometriale nell'utero con iperplasia è il sanguinamento uterino, come la menorragia e la metrorragia, ma nel 10-30% dei casi la malattia progredisce senza segni.

I sintomi di adenomiosi possono manifestarsi anche nelle ragazze nullipare. Di norma, includono:

  • dolore durante il rapporto sessuale (specialmente prima delle mestruazioni, se l'istero dell'utero è interessato);
  • sanguinamento mestruale pesante;
  • prurito e bruciore nella vagina.

Quando si esaminano i pazienti c'è un aumento dell'utero, specialmente alla vigilia delle mestruazioni.

Come trattare?

La diagnosi di entrambe le malattie si basa sui risultati di uno studio istologico di una parte remota dell'epitelio uterino. Nel caso di un ritmo mensile conservato, è consigliabile eseguire raschiatura 3-4 giorni prima delle mestruazioni previste. Se segui tutte le regole sull'assunzione materiale, puoi ottenere informazioni complete sullo stato dell'epitelio uterino e sulle pareti dell'utero.

La capacità di ricerca del curettage è significativamente migliorata utilizzando l'isteroscopia per una diagnosi accurata. Viene anche utilizzata l'ecografia, durante la quale il medico determina la struttura dell'utero, il suo spessore, il grado di afflusso di sangue e rileva i tumori. Esistono altri metodi di diagnosi: un'analisi cellulare dell'aspirato dall'utero e dall'isterografia.

Il trattamento dell'iperplasia endometriale consiste nel fermare la perdita di sangue e prevenire il ripetersi della patologia. La terapia prevede diversi passaggi:

  1. Rimozione chirurgica dei tessuti affetti dell'utero, seguita dall'invio di materiale per l'esame morfologico e istologico.
  2. Trattamento ormonale La durata dello stage è di 6 mesi con esame morfologico ripetuto ogni 3 mesi. Se, dopo un mese di trattamento, l'analisi istologica rivelasse iperplasia, la terapia dovrebbe essere aggiustata.
  3. E in donne con iperplasia atipica, la tattica del trattamento è coordinata con l'oncoginecologo. Gestogen (Progestina, Gestonoron capronato, 17 - oxyprogesterone capronato), atrofia gonadi agonisti (Goserelin, Buserelin) vengono utilizzati per il trattamento.

Il trattamento chirurgico è praticato solo in casi estremi in cui la terapia farmacologica ha fallito. Per le forme non atipiche di iperplasia endometriale, specialmente per le donne in età riproduttiva, è ragionevole applicare la resezione isteroscopica o l'ablazione del rivestimento uterino e, per i tipi atipici di malattia, si esegue di solito l'isterectomia.

I metodi conservativi non sono usati per il trattamento dell'emiemiosi. In questo caso, viene mostrata la chirurgia, che è molto complessa. È difficile per un chirurgo distinguere il tessuto sano da una neoplasia patologica, dal momento che praticamente non si manifesta. Inoltre, durante l'intervento chirurgico può verificarsi una grave emorragia che porta a un'anemia acuta o cronica.

Il trattamento è prescritto a ciascun paziente individualmente, poiché la patologia non interessa un solo organo, ma l'intero sistema. Quando scelgono un metodo di trattamento, prendono in considerazione l'età della donna, il luogo del danno d'organo, il desiderio di avere un bambino in futuro.

Adenomiosi: cosa succede all'endometrio?

L'adenomiosi è una malattia in cui l'endometrio è ipertrofico e cresce nel miometrio. Un tale processo patologico ha una natura ormono-dipendente benigna e porta allo sviluppo dell'infiammazione cronica. La prevalenza di questa patologia è piuttosto alta. Allo stesso tempo, le donne legate all'età riproduttiva la incontrano più spesso.

L'utero è uno degli organi più importanti del sistema riproduttivo femminile. Si trova nella zona pelvica, direttamente dietro la vescica. Nella struttura del muro di questo corpo ci sono tre strati:

  • L'endometrio è anche chiamato una membrana mucosa e consiste in un epitelio cilindrico;
  • Myometrium: lo strato muscolare, rappresentato da tre strati di muscoli lisci;
  • La perimetria è lo strato sieroso, che si trova più esternamente.

Al momento, la causa esatta che porta alla comparsa di adenomiosi, non può essere stabilita. Come accennato in precedenza, si ritiene che la crescita dell'endometrio abbia una natura ormono-dipendente. In altre parole, in questo processo patologico, si nota uno squilibrio tra la quantità di estrogeno e di gestagen nel corpo. Il gruppo di estrogeni include estradiolo, estrone e estriolo. Tutte queste sostanze, prodotte nelle ovaie, portano al fatto che nella mucosa dell'utero si sviluppano processi ipertrofici, a causa dei quali si addensa. Il principale rappresentante del progestinico è il progesterone. A sua volta, inibisce la proliferazione, che provoca l'estrogeno. Nel caso in cui i progestinici producano una quantità insufficiente, l'effetto dell'estrogeno non è controllato da nulla. A questo proposito, compaiono i sintomi caratteristici della malattia.

Ci sono ancora un numero di fattori predisponenti a causa dei quali l'endometrio può ipertrofia. Prima di tutto, è una predisposizione ereditaria a questa malattia. Si è notato che se ci sono stati casi di patologie ginecologiche in famiglia, il rischio di adenomiosi aumenta più volte. Anche vari effetti traumatici sotto forma di aborto, curettage diagnostico o altri interventi chirurgici svolgono un ruolo significativo. Altri fattori di rischio includono varie malattie infiammatorie degli organi riproduttivi, uso incontrollato di farmaci ormonali, peggioramento allergico, malattie croniche degli organi interni, sovrappeso e stress frequente.

A seconda dei cambiamenti morfologici, è consuetudine distinguere quattro tipi di adenomiosi:

È caratterizzato dalla germinazione locale del tessuto endometriale nel miometrio. Nella maggior parte dei casi, le lesioni formate hanno un singolo carattere e sono più spesso formate nelle donne di età avanzata. Questa patologia è abbastanza ben curabile, ma tende a ripresentarsi;

Le cellule endometriali invadono lo strato muscolare a caso, senza formazione di foci patologici chiari. Allo stesso tempo, l'area della lesione è generalmente estesa, il che causa alcune difficoltà nel trattamento. Questa malattia è molto spesso diagnosticata nelle giovani donne e spesso porta a compromissione della funzione riproduttiva, fino alla sterilità;

Le strutture delle cellule endometriali, crescendo nello strato muscolare, formano elementi annodati che possono avere dimensioni diverse. Nella maggior parte dei casi, il numero di tali nodi è grande, hanno una consistenza densa e contengono sangue mestruale al loro interno. Molto spesso, le giovani donne in età fertile incontrano questa patologia;

Questa specie è la più comune. Combina i segni dei processi diffusi e nodali.

Sintomi della malattia

Il principale segno clinico di adenomiosi è una mestruazione eccessivamente lunga e pesante. Nella maggior parte dei casi, la durata del sanguinamento mestruale supera i sette giorni, spesso è accompagnata dal rilascio di coaguli. Inoltre, la presenza di spotting, non correlata alle mestruazioni, è caratteristica. Tali sintomi della malattia come una violazione del ciclo mestruale, debolezza generale e indisposizione sono necessariamente presenti.

Una donna malata lamenta quasi sempre il dolore, che diventa più intenso nel periodo premestruale. Vale la pena notare che il dolore con questa malattia può avere un carattere molto diverso. Dipende direttamente dalla localizzazione dei focolai patologici e dal grado della loro germinazione. In alcuni casi, la sindrome del dolore ha un carattere sordo e dolente, mentre in altri è uno spasmo. Inoltre, nella maggior parte dei casi, i pazienti indicano il disagio che si manifesta durante i rapporti sessuali. Spesso i sintomi tipici della malattia sono accompagnati da anemia sullo sfondo delle mestruazioni prolungate, oltre che da intossicazione a seguito dell'adesione al processo infiammatorio.

All'esame, si è riscontrato che l'utero è aumentato di dimensioni e ha cambiato forma. L'adenomiosi più avanzata è, più forti sono questi cambiamenti.

Esame dell'utero

Oltre all'esame ginecologico, l'ecografia è necessariamente effettuata per la diagnosi di adenomiosi. L'isterosalpingografia, l'isteroscopia e la risonanza magnetica possono essere utilizzate come metodi ausiliari.

Trattamento e prevenzione della crescita dell'endometrio

Con la crescita dell'endometrio, il trattamento viene effettuato sia con metodi conservativi che chirurgici. Dei farmaci utilizzati farmaci ormonali, farmaci anti-infiammatori non steroidei e immunomodulatori. Se sono inefficaci, si raccomanda l'intervento chirurgico.

Per prevenire tale patologia, è necessario evitare effetti traumatici sugli organi del sistema riproduttivo, monitorare il livello degli ormoni nel corpo e sottoporsi a esami preventivi di routine presso il ginecologo.

Adenomiosi e risonanza magnetica: di cosa hai bisogno di sapere e di essere consapevole

introduzione

L'adenomiosi è una malattia ginecologica benigna comune, caratterizzata dalla presenza di ghiandole endometriali ectopiche e stroma nel miometrio. Questa è una malattia dell'archetria o del miometrio interno, che è il risultato dell'infiltrazione dell'endometrio basale nel miometrio sottostante, con ipertrofia successiva e iperplasia della muscolatura liscia.

Una diagnosi clinica di solito non è possibile a causa della natura non specifica dei sintomi, come dismenorrea e menorragia, e frequente combinazione con altre malattie degli organi pelvici.

L'ecografia transvaginale e la risonanza magnetica sono i principali strumenti radiologici per diagnosticare questa patologia. La risonanza magnetica è più accurata dell'ecografia nei casi in cui vi sia un danno aggiuntivo all'utero.

Traduzione della presentazione "Adenomiosi e risonanza magnetica: cosa è necessario sapere ed essere a conoscenza di"

Traduzione in russo: Simanov V.A.

patologia

I criteri diagnostici istopatologici includono la presenza di tessuto endometriale ectopico nel miometrio, a 2,5 mm dal confine con l'endometrio (figura 1).

Sulla preparazione patologica (Fig.2):

  • utero sferico allargato
  • miometrio ipertrofia muscolare liscia
  • endometrio ectopico, ghiandole endometriali dilatate e cisti / emorragie.

Figura 1: ghiandole endometriali ectopiriche e stroma (freccia), circondate da tessuto gladium-muscolare ipertrofico.

Fig.2: ispessimento miometriale diffuso dovuto ad adenomiosi.

Funzioni di imaging RM

L'adenomiosi sembra un ispessimento della zona connettiva che forma una regione scarsamente definita di bassa intensità del segnale, spesso con focolai iperintensi su immagini pesate in T2. È localizzato principalmente nella regione del fondo e, di regola, nella parete posteriore dell'utero.

Esistono due forme di adenomiosi (figura 3):
1) diffuso: i focolai di adenomiosi sono distribuiti nell'intero miometrio.
2) focale: i fuochi di adenomiosi nel miometrio sono presenti in un'area limitata.

Il sintomo più importante per la diagnosi di adenomiosi alla RM è lo spessore della zona di transizione di oltre 12 mm. Lo spessore meno di 8 mm, di regola, permette di escludere la diagnosi.

Quando lo spessore della zona di transizione da 8 a 12 mm, la diagnosi di adenomiosi richiede alcuni criteri secondari.

Segni di risonanza magnetica di adenomiosi:

  1. Ampio utero asimmetrico con contorni esterni lisci.
  2. Lo spessore massimo della zona di transizione è di almeno 12 mm.
  3. Inclusioni ipercinetiche ipercinetiche nel miometrio.

Quando lo spessore della zona di transizione è 8-12 mm, stiamo cercando:

  1. Il rapporto tra lo spessore massimo della zona di transizione e lo spessore del miometrio è superiore al 40%.
  2. La differenza tra lo spessore della zona di transizione massima e minima è superiore a 5 mm.
  3. Confini sfocati.
  4. Inclusioni iperintense punteggiate.

Fig.3: Rappresentazione schematica e immagini sagittali T2-pesate del normale utero post-puberale (a), adenomiosi diffusa (b), adenomiosi focale (c).

a) l'endometrio è uniformemente iperintenso, la zona di transizione sottile ha un'intensità di segnale bassa, il miometrio esterno ha un'intensità di segnale intermedia; b) ec) adenomiosi dell'utero con espansione iponensiva diffusa e focale della zona di transizione.

Fig.4: adenomiosi diffusa: a) sagittale e b) immagini di T2 coronali che mostrano ispessimento della zona di transizione con la formazione di un'area scarsamente demarcata con un'intensità di segnale bassa, inclusioni iperintensi puntate.

Fig.5: adenomiosi focale: a) sagittale T2, b) assiale T2, c) immagini assiali T1 3D FS che mostrano ispessimento focale asimmetrico della zona di transizione, formando un'area scarsamente definita con bassa intensità del segnale, presenza di iperintensità piccola su T2 e T1FS nella struttura inclusioni rappresentate da piccole emorragie.

Difficoltà nella diagnosi

Ci sono molte insidie ​​dovresti essere a conoscenza di:

  • La fase proliferativa iniziale del ciclo mestruale interessa la zona di transizione.
  • La postmenopausa e l'uso di farmaci anti-contraccettivi influenzano la zona di transizione.
  • Contrazioni transizionali dell'utero.
  • Pseudo-espansione dell'endometrio con adenomiosi

1. Nella fase proliferativa iniziale, la zona di transizione può mostrare un ispessimento marcato. È importante conoscere la fase del ciclo mestruale del paziente quando si interpreta lo studio.
2. In alcuni casi, la zona di transizione può essere incommensurabile, vale a dire circa un terzo di uteri in postmenopausa e mentre si assumono farmaci anti-contraccettivi (Fig. 6).

3. Le contrazioni transitorie dell'utero appaiono sotto forma di perpendicolare alle bande di zona di transizione, ipo-intensive su immagini T2-pesate, imitando adenomiosi focale (Fig.7).

4. La pseudo-dilatazione dell'endometrio è un reperto frequente nell'adenomiosi, che è un'invasione dell'endometrio basale nel miometrio. Può simulare il cancro dell'endometrio con l'invasione del miometrio, che ha segni simili sulla risonanza magnetica (Fig. 8).

Fig.6 Postmenopausa: immagini sagittali T2 pesate dell'utero di una donna postmenopausale di 48 anni; la zona di transizione non è misurabile.

Fig.7 Le contrazioni uterine che imitano l'adenomiosi: a) eb) le immagini sagittali pesate in T2, le bande intensive per chitarra perpendicolare alla zona di transizione, scomparendo / cambiando dopo pochi minuti, sono contrazioni fisiologiche dell'utero.

Fig.8 Pseudo-dilatazione dell'endometrio: immagini sagittali T2 pesate, ispessimento della zona di transizione con aree striate ad alta intensità di segnale, divergenti dall'endometrio verso il miometrio simulando l'invasione del cancro dell'endometrio.

Manifestazioni insolite di adenomiosi

a) l'aspetto di "formaggio svizzero" (Fig.9)

b) adenomioma e adenomioma polipoide (Fig.10 e Fig.11)

  • Fusione locale di ghiandole, formando una massa di adenomiosi
  • Può apparire come una massa nello spessore del miometrio, il più delle volte nel corpo dell'utero.
  • A volte può fuoriuscire dall'endometrio (adenomioma della sottomucosa) o protrudere attraverso l'endometrio e crescere come una massa polipoide (adenomioma polipoide).

c) adenomioma cistico (Fig.12)

  • Grande cisti emorragica causata da sanguinamento mestruale in endometrio ectopico.
  • Può essere interstiziale, sottomesso o sussidiario.
  • Segnale ad alta intensità a T1 dal contenuto, ipointenso al segnale T2 sulla periferia (adenomiosi).

Fig.9 Aspetto di "Formaggio svizzero" a) T1 3D FS assiale, b) T2 e c coronale T2, con zona di transizione ispessita e delimitata in modo scarsamente ampio con un gran numero di cisti ghiandolari, noduli e scanalature lineari nel miometrio.

Fig.10 Adenomioma. Immagine pesata in T2 sagittale, massa delimitata delimitante nello spessore del miometrio con contorni sfocati, piccoli fuochi iperintensi nella struttura e minimo effetto di massa.

Fig.11 Adenomioma polipovideo: a) sagittale T2 eb) immagini assiali T2 pesate, sezione sferica della zona di transizione con contorni sfocati, sporgenti nella cavità uterina.

Fig.12 adenomioma cistico isolato o giovanile: a) eb) sagittale c) immagini coronali T2, formazione sferica con una cavità centrale che ha un segnale iperintenso non associato alla cavità uterina; altrimenti l'utero è normale.

Diagnosi differenziale

a) Adenomioma e leiomioma
Diagnosi differenziale di base con leiomioma.

  • Ipereintensivo su massa T2 con limiti scarsamente definiti, piccoli fuochi iperintensi nella struttura, minimo effetto massa.
  • Hypointensive sulla massa T2 con limiti ben definiti, effetto massa, grandi vasi alla periferia.

b) Adenomioma cistico isolato / giovanile e massa uterina cavitaria accessoriata - ACUM (il termine non ha traduzione adattata in russo)

L'adenomioma cistico giovanile, l'utero accessorio non comunicante e in alcuni casi le masse uterine hanno sintomi e caratteristiche di visualizzazione simili e possono rappresentare la stessa patologia - ACUM. È stato suggerito che ACUM è un nuovo tipo di anomalia nei condotti di Müller, di solito localizzato all'ancoraggio del legamento circolare.

  • Cisti con contenuto di cioccolato; la cavità è rivestita da un endometrio funzionante.
  • Massa cavità addizionale isolata con caratteristiche caratteristiche sulla risonanza magnetica.
  • Utero normale (assenza di adenomiosi).

c) adenomiosi esterna e endometriosi subsferica (Fig.15)

In presenza di adenomiosi esterna, deve essere presa in considerazione l'ipotesi di endometriosi sottomuscolare.

Alcune lesioni simili ad adenomiosi possono essere osservate nella regione dell'utero subsenso, con un pattern di risonanza magnetica simile all'endometriosi pelvica con coinvolgimento miometriale / endometriosi solida invasiva.

Endometriosi solida invasiva:

  • La lesione viene dalla superficie sierosa con il successivo coinvolgimento del miometrio esterno.
  • Non associato a una zona di transizione.
  • Reperti correlati all'endometriosi

d) adenomiosi diffusa e cisti associate al tamoxifene (Fig.16)
Non è ancora chiaro se vi sia un'aumentata incidenza di adenomiosi nelle donne che hanno ricevuto il tamoxifene, o vi è una gamma di cisti associate al tamoxifene che imitano le caratteristiche dell'adenomiosi (cambiamenti adenomiosi-simili).

Fig.13 Adenomiomi: a) sagittale T2 eb) immagini assiali T2-pesate, massa disomogenea di T2 con confini scarsamente definiti, piccoli focolai iperintensivi nella struttura (frecce bianche).

Fig.14 Leiomioma: a) sagittale T2 eb) immagini assiali T2-pesate, massa eterogenea di T2 con confini ben definiti, effetto di massa sul tessuto circostante (asterisco). Ci sono anche caratteristiche suggestive di adenomiosi.

Fig.15 Adenomiosi esterna: immagini coronali di T2 pesate, massa sottosviluppata mal definita con bassa intensità del segnale, piccoli focolai iperintensi nella struttura nella parete uterina sinistra (freccia bianca), imitando l'endometriosi. Sono anche visibili i leiomiomi (asterischi).

Fig.16 Cambiamenti simili all'adenomiosi associati al Tamoxifene: immagini sagittali pesate in T2, più cisti rivestite da endometrio atrofico, localizzate al margine dell'endometrio con miometrio.

Stati associati

L'adenomiosi è spesso associata a lesioni pelviche ormono-dipendenti:
1. Leiomioma.
2. Endometriosi pelvica profonda.
3. Polipi / iperplasia dell'endometrio.

1. Leiomioma (figura 17)
I leiomiomi sono presenti in quasi la metà dei casi con adenomiosi uterina.

2. Endometriosi pelvica profonda (Fig. 18)
Circa un terzo delle giovani donne con sospetto clinico di endometriosi infiltrativa profonda alla RM hanno segni di adenomiosi uterina. Inoltre, la gravità dell'endometriosi infiltrativa sembra correlare con l'adenomiosi.

3. Polipo endometriale / iperplasia dell'endometrio (Fig.19)
L'adenomiosi si è dimostrata largamente associata a polipi endometriali e cervicali.

Fig.17 adenomiosi diffusa e leiomiomi: a) T2 assiale b) immagini T2 sagittali pesate che mostrano ispessimento diffuso della zona di transizione (freccia bianca) e masse multipuntive rappresentate da leiomiomi (asterischi).

Fig.18 Adenomiosi ed endometriosi: a) eb) Saggital T2 immagini ponderate, l'estensione della zona di transizione con la formazione di una regione scarsamente definita di bassa intensità del segnale con piccole inclusioni iperintensive - adenomiosi (freccia bianca); nodo dell'endometriosi nella parete della vescica (punta di freccia); endometrioma dell'ovaio sinistro con effetto di ombreggiamento T2 (freccia nera).

Fig.19 Adenomiosi diffusa e polipo endometriale: a) eb) T2 sagittale c) T1 coronale 3D FS con contrasto, ispessimento della zona di transizione scarsamente definito (adenomiosi) e formazione nodulare ipointensiva nella cavità uterina, rappresentata da un piccolo polipo endometriale (freccia).